Enogastronomia – Nasce lo spumante dei Nebrodi

Spumante Nebrodi, vigneto sotto la neve

Metodo classico a quota 1200

UCRIA (ME) - Il prodotto della cantina sperimentale dell’Irvo è stato presentato alla stampa, alle autorità locali e alle aziende. Lo spumante è ottenuto con metodo classico a partire da uve Catarratto.
Il progetto “Nebrodi” si propone di studiare la potenzialità delle zone montane per la produzione di vini spumanti. Nelle aree montane dei Nebrodi il vigneto era presente fino a qualche decennio fa in maggiore misura. Lo testimonia la presenza di piccoli appezzamenti residuali, utilizzati prevalentemente per autoconsumo, anche a quote altimetriche di un certo rilievo (800-1000 metri sul livello del mare). Nel 2010, a Ucria (Me) nell’azienda dei fratelli Borrello che hanno collaborato nella realizzazione del progetto, l’Irvo ha realizzato un vigneto sperimentale a quota 1200 metri (uno dei vigneti più “alti” della Sicilia e d’Italia), impiantando varietà bianche, in prevalenza autoctone come il Catarratto, con le quali produrre vini spumanti di elevato valore qualitativo. Una sinergia pubblico-privato che ha permesso di attivare un progetto con notevoli ricadute sul territorio. Infatti, nelle zone montane non destinate ad altre attività agricole, il vigneto può rappresentare un’alternativa per mantenere e far proseguire l’attività produttiva. “Il vigneto – ha spiegato Antonio Sparacio, dell’Irvo – .

Condividi questo articolo

Con lo scippo di Renzi dei fondi Pac a picco Piano-giovani e formazione

crocetta_renzi

Rischia di superare il miliardo di euro la somma che il governo nazionale ha “tagliato” alla Sicilia con la Legge di stabilità 2015, approvata la notte scorsa in Senato. Spariscono i finanziamenti per spesa sociale, centri storici e impianti sportivi. “Sforbiciata” per strade e scuole. Ma a pagare il conto potrebbero esserci anche tirocini e “Avviso 20″

PALERMO - C’è chi parla di uno scippo di 500-600 milioni di euro. Chi ipotizza un taglio, per la Sicilia, di un miliardo di euro. E chi, addirittura, ipotizza una somma ancora maggiore. Argomento: la Legge di stabilità 2015 (che con la nuova normativa sostituisce di fatto Bilancio e Finanziaria) approvata la notte scorsa, alle quattro, dal Senato della Repubblica. Un provvedimento – come raccontano tutti i Tg nazionali – arrivato in nell’Aula diPalazzo Madama sotto forma di maxi-emendamento tra polemiche, confusione e refusi, se non errori. Per il Sud Italia e, in particolare, per la Sicilia è una legge amara che contiene tagli voluti dal governo Renzi e avallati dal Senato (compresi alcuni senatori eletti in Sicilia). Detto questo, non sembra facile, in questo momento, capire a quanto ammontano i tagli. Il testo dovrà essere collazionato (riscritto con tutte le correzioni e tutti gli emendamenti approvati) per poi passare alla Camera dei deputati per l’ultima approvazione (le modifiche apportata dal Senato dovranno essere approvate dalla Camera, in accordo alle regole del bicameralismo perfetto). Insomma, per capire a quanto ammontano i tagli a carico del Sud e, in particolare, della Sicilia, bisognerà aspettare il testo collazionato e, magari, la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, che come tutti sanno è l’unico documento che fa fede perché legge dello Stato.

Condividi questo articolo

Ars, per i giudici è il Corvo di Messina – Picciolo si dimette solo da capogruppo

loraquotidiano.it_2014-12-20_17-06-15

Condannato in primo grado, lascia anche la commissione Antimafia regionale, ma tiene ben stretta la poltrona di deputato. E in una nota tiene precisare: ”Non ho approfittato di un euro, nè ho commesso reati contro la pubblica amministrazione: la stessa legge Severino per il mio caso non prevede alcuna conseguenza”

MESSINA - Per il Tribunale di Messina che lo ha condannato a due anni e sei mesi è il Corvo che tra il 2006 e il 2007 inviò lettere anonime sui palazzi della politica della cittadina peloritana. Oggi Giuseppe Picciolo, deputato regionale dei Drs, si è dimesso ma solo dalla carica di capogruppo del suo partito e dalla commissione Regionale Antimafia. “Non intendo sottrarmi, tenuto conto della funzione politica che ricopro – ha detto Picciolo – a trarre, sin da subito, alcune conclusioni anche se non dovute”.Picciolo ha sottolineato che si tratta solo di un verdetto di primo grado: ”I miei legali, depositata la motivazione, lo impugneranno”. Poi ha tenuto a precisare che non esiste alcuna norma che gli imponga di dimettersi  da alcuna delle sue cariche e che la sua scelta di lasciare il ruolo di capogruppo e l’Antimafia regionale è stata del tutto spontanea: ”Sia ben chiaro che non ho approfittato di un euro nella funzione che ricopro all’Ars, nè ho commesso reati contro la pubblica amministrazione: la stessa legge Severino, che ha inasprito pesantemente le sanzioni amministrative nei confronti dei politici sottoposti a procedimenti penali, per il mio caso non prevede alcuna conseguenza. Lunedì, tuttavia, depositerò, formalmente, per il rispetto che nutro nei confronti delle Istituzioni le dimissioni da capogruppo del Pdr e da componente laCommissione regionale Antimafia. Per il resto continuerò a difendermi nei Tribunali per dimostrare la correttezza delle mie azioni”.

Condividi questo articolo

Messina – Maxi blitz antidroga: 28 arresti

IMG_6176.JPG

Operazione denominata “Vicolo Cieco’ – I nomi degli arrestati

MESSINA-Sono 23 le persone finite un carcere, mentre 5 agli arresti domiciliari. L’accusa è di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. La polizia ha eseguito nella provincia di Messina un’ordinanza di applicazione di misure cautelari di cui 23 in carcere e 5 agli arresti domiciliari, nei confronti di ventotto persone, ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. Le indagini sono iniziate nel dicembre 2010 ed hanno consentito di denunciare complessivamente 64 persone. Secondo le indagini, la presunta organizzazione riforniva di droga gruppi criminali operanti sul territorio messinese e spacciatori del quartiere messinese di Mangialupi, i quali, a loro volta, potevano contare su una propria rete di distribuzione. Ulteriori dettagli dell’operazione denominata “Vicolo Cieco” verranno forniti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle 11 negli Uffici della Questura di Messina alla presenza dei magistrati inquirenti.

Condividi questo articolo

Meteo – Bel tempo quasi ovunque, sarà un Natale all’insegna del clima mite

IMG_6166.JPG

Sarà un Natale con bel tempo e clima mite. Merito di un anticiclone che garantirà condizioni di stabilità atmosferica per tutta la prossima settimana. Per i metereologi si presenterà un clima autunnale più che invernale, con il rischio di nebbie in pianura al Centronord. Uno scenario meteorologico che caratterizzerà anche il prossimo week-end, che pure sarà bello e mite: solo domenica si avrà un temporaneo calo delle temperature. Il nostro Paese – secondo diversi esperti -continuerà ad essere protetto dall’alta pressione. Da martedì 23 questa alta pressione, che i metereologi hanno battezzato Anticiclone di Natale, tornerà a dominare sull’Italia garantendo condizioni di stabilità atmosferica e sospingendo una massa d’aria tiepida verso il nostro Paese.

Condividi questo articolo

Si compatta il fronte siciliano anti trivelle

IMG_6174.JPG

SANTA MARINA SALINA ( ME) – Ieri pomeriggio a Palermo tutte le anime del “movimento” che combatte l’articolo 38 del Decreto Sblocca Italia sono infatti scese in piazza dando vita ad una protesta trasversale e pacifica contro la decisione del Governo Nazionale di semplificare le procedure autorizzative per le trivellazioni petrolifere in terra ed in mare. Alla manifestazione, promossa dall’Anci Sicilia e da Legambiente, ha partecipato anche l’Amministrazione Comunale di Santa Marina Salina che, con quella di San Vito Lo Capo, ha rappresentato la vera testa d’ariete del corteo. La bandiera delle 5 vele assegnata ai due Comuni siciliani da Legambiente e dal Touring Club Italiano è stata fatta sventolare, simbolicamente macchiata di petrolio, da tutti i sindaci presenti. A fianco del Presidente dell’Anci Sicilia Leoluca Orlando e dei colleghi delle altre isole minori siciliane, a Palermo ha sfilato il Sindaco Massimo Lo Schiavo supportato dal Vice Sindaco Domenico Arabia e dall’Assessore alla Cultura Linda Sidoti.

Condividi questo articolo

L’assistente alla viabilità Nino Calió salva la vita di un automobilista

IMG_6064.JPG

MESSINA – Il pronto intervento di una pattuglia del servizio Viabilità del Eurotel che fa servizio sulla tangenziale di Messina ha probabilmente consentito di salvare la vita ad un cardiopatico,fermo nella corsia di emergenza

Condividi questo articolo

Torrenova – Nel suggestivo borgo di “Serro Coniglio” , l”appuntameneto più atteso del Natale Torrenovese

loc

Non manca proprio nulla, ci sono tutti gli ingredienti affinchè l’Associazione Pro- Familia, così come avvenuto in passato, ci faccia vivere una serata magica ed indimenticabile

TORRENOVA (ME) - Il  Borgo di Natale 2014 a cura dell’Associazione Pro – Familia, con il patrocinio del Comune di Torrenova e dei commercianti, non  poteva certo mancare! L’appuntameneto più atteso del Natale Torrenovese è alle porte, e lunedì 29 dicembre la Contrada Serro Coniglio si caratterizzerà per sapori, odori, profumi, melodie, folklore, e tradizioni. Anche quest’anno, come ormai da tre anni a questa parte, il borgo di Natale sarà allestito in una delle piccole contrade della cittadina, e dopo la contrada Cuffari, la rappresentazione degli antichi mestrieri torna in c.da Serro Coniglio. Nei vicoli, nelle casette e negli gli angusti angoletti ivi allocati saranno allestite le rappresentazioni di alcuni dei più antichi mestieri, u scarparu, u panetteri, u formaggiaru, u sartu, u sapunaru, u caliaru, u falegnami, u piscaturi….l’antica osteria, e la friggitoria! Piccoli fuochi accesi lungo le strade cercheranno di creare la giusta atmosfera tipica del natale! Non mancheranno certamnete le degustazioni….il pane appena sfornato, i biscotti, a ricotta nto seru, salsiccia alla brace, olive, fave bollite, pane fritto, bomboloni di riso, del buon vino e tanto, tanto ancora! Potevano mancare i Cantori”?Assolutamente no, ed allora il gruppo “I paisani” di San Marco D’Alunzio, allieterà la serata con le melodie popolari e caratterizzanti la nostra amata Sicilia. Poteva mancare il ballo? Assolutamente no! Il gruppo folk “i Nebrodi”di Ficarra (spettacolo offerto dall’amministrazione comunale) ci farà divertire con tarantelle e tanto altro!

Condividi questo articolo

SAN MARCO D’ALUNZIO -35 ANNI DI RESTAURI E RIQUALIFICAZIONI DEI MONUMENTI E DEL CENTRO STORICO

SAN MARCO D'ALUNZIO

20 DICEMBRE 2014, ORE 16.00 -PALAZZO DEI CONGRESSI E DEGLI EVENTI MARGHERITA DI NAVARRA

SAN MARCO D’ALUNZIO (ME) – Giorno 20 dicembre 2014 alle 16.00 saranno celebrati, presso il Palazzo dei Congressi e degli Eventi – Margherita di Navarra (Badia Grande)  con un’Adunanza Speciale del Consiglio Comunale di San Marco d’Alunzio, gli ultimi 35 anni di Politica e i Restauri e le Riqualificazioni dei Monumenti e del Centro Storico. Durante l’incontro sarà consegnato agli amministratori che si sono succeduti dal 1978 ad oggi un riconoscimento speciale per il lavoro svolto al servizio della cittadina. Sarà presentata infatti la pubblicazione “25 anni di restauri e riqualificazioni del centro storico”, pubblicazione curata dall’Ufficio Tecnico comunale. Quello che è stato realizzato a San Marco D’Alunzio nel corso di questi 35 anni è infatti il risultato dell’impegno profuso da tutte le amministrazioni comunali, che hanno scelto di proseguire senza soluzione di continuità il lavoro iniziato da chi li ha preceduti. Il comune aluntino è riuscito così a recuperare, riqualificare e ridare alla cittadinanza il grande patrimonio storico-artistico, presente sul suo territorio.

Condividi questo articolo

Santa Marina Salina – Lovesalina.it si arricchisce di contenuti

salina didyme

SANTA MARINA SALINA (ME) - . Da domani 19 dicembre, cliccando sul portale istituzionale di comunicazione turistica immaginato dall’Amministrazione Lo Schiavo ed attivo dalla scorsa primavera, sarà infatti possibile accedere alla nuova web-cam ad alta risoluzione puntata sul porto di Santa Marina Salina. Turisti, residenti, amanti di Salina e semplici curiosi avranno così la possibilità di affacciarsi da questa finestra virtuale spalancata sul mare di Salina 24 ore su 24. L’iniziativa, che mira tra l’altro a collocare il portale www.lovesalina.it nel circuito virtuale internazionale delle web-cam, consentirà inoltre di osservare in tempo reale le condizioni meteo-marine in atto all’interno dell’ambito portuale. Il portale che, numeri alla mano, dal giorno del suo lancio ha visto crescere costantemente il numero degli accessi, moltissimi provenienti dall’estero, punta ad attestarsi come una delle risorsa on line dedicate alle Eolie più cliccate sul web.

Condividi questo articolo