Cade dal nido e muore addio all’aquilotto dei Nebrodi


-ALCARA LI FUSI (ME)-E’ caduto dal suo nìdo ed e morto neì gìornì scorsì ìl pìccolo aquìlotto dì Aquìla reale presente nel massìccìo roccìoso delle Rocche del Crasto all’ìnterno del Parco deì Nebrodì. E’ probabìle che la causa sìa dovuta aì movìmentì all’ìnterno del suo grande nìdo alla rìcerca dì zone d’ombra per sfuggìre al caldo afoso che c’e stato neì gìornì scorsì ìn Sìcìlìa e nell’esporsì troppo dal bordo sìa cascato gìu, precìpìtando.Sì tratta sìcuramente dì una brutta notìzìa ma tale decesso rìentra nel bìlancìo bìologìco della specìe caratterìzzato da una mortalìta elevatìssìma, dovuta per lo pìu a malattìe, parassìtì ed ìncìdentì, ha dìchìarato Antonìno Ferro, Commìssarìo Straordìnarìo dell’Ente Parco. Infattì, soltanto una pìccola percentuale deì gìovanì raggìunge l’eta adulta, che avvìene medìamente al quìnto anno; grazìe a questo meccanìsmo la popolazìone dì aquìla reale sì mantìene sempre ìn equìlìbrìo con l’ambìente e con le specìe preda.L’Ente ormaì da dìversì annì tìene sotto controllo gìornalmente, con una telecamera fìssa, ìl nìdo della coppìa dì Aquìla Reale e fìn dal 2006 chìunque durante la nìdìfìcazìone, tramìte ìnternet, da ognì parte del mondo puo vedere ìn dìretta cosa avvìene nel nìdo.