Metromare investe un aliscafo fermo in banchina

L’aliscafo investito ha riportato ingenti danni ed è stato trasportato presso i cantieri nautici Rodriquez per evitare l’affondamento.

-di Nino Caliò

-MESSINA-Un incidente in mare, nella tarda mattinata odierna, fa ha coinvolto un mezzo della Metromare ed un aliscafo della Ustica Lines fermo in banchina. Il mezzo marino che fa spola tra Messina e Reggio Calabria ha investito, in arrivo all’ormeggio, l’aliscafo. Al momento non si hanno notizie di eventuali feriti, mentre sarebbero ingenti i danni ad entrambi i mezzi nautici.

Da una prima ricostruzione dei fatti, sembra che qualcosa non abbia funzionato al momento dell’arrivo in banchina. Le autorità marittime stanno indagando sull’episodio per stabilire l’esatta causa dell’incidente. L’aliscafo della Metromare, Ferdinando M., presenta uno squarcio visibile ed è ormeggiato alla banchina Luigi Rizzo, mentre il mezzo nautico che ha subìto maggiori danni, Edoardo M., è stato trasportato presso i cantieri navali Rodriquez, per evitare che affondasse.

Sull’episodio il comandante Sebastiano Pino del Sasmant ci ha riferito di avere, qualche settimana addietro, inviato una diffida extragiudiziale a Metromare, Rfi e Blueferries “per fare cessare i turni stressanti che impongono agli equipaggi”. Sembrerebbe, infatti, che l’enorme carico di lavoro, impedirebbe al personale di bordo di usufruire di giornate di riposo. Pare, inoltre che il comandante del Ferdinando M. non godesse del turno previsto di riposo da 20 giorni.