Torrenova: Mozione del Gruppo di Minoranza .

TORRENOVA (ME) –Pubblichiamo integralmente la mozione presentata negli scorsi giorni dal capogruppo di minoranza, Sebastian Calcò, “ Premesso che ogni anno vengono presentate istanze da parte di cittadini del nostro comune che si trovano in condizioni economiche difficili o che devono fronteggiare spese mediche impreviste; che con Delibera di Giunta Municipale n. 212 dell’08 ottobre 2012 è stata assegnata alla Dirigente Responsabile del Settore Affari Generali e Servizi alla Persona la somma di euro 250,00 per evadere la richiesta di assistenza economica di una cittadina residente, ritenuta meritevole di accoglimento; che con Delibera di Giunta Municipale n. 276 del 07 Dicembre 2012 è stata assegnata alla Dirigente Responsabile del Settore Affari Generali e Servizi alla Persona la somma di euro 7.850,00 per porre in essere gli atti consequenziali per l’erogazione di un contributo una-tantum ai cittadini residenti in particolare stato di disagio socio-economico e con comprovati problemi di salute; che con Delibera di Giunta Municipale n. 277 del 10 Dicembre 2012, tenuto conto che le somme stanziate non erano sufficienti, sono stati assegnati alla Dirigente Responsabile del Settore Affari Generali e Servizi alla Persona ulteriori 2.400 euro; che le somme previste dall’Amministrazione Comunale, in considerazione delle istanze complessivamente pervenute, non sono risultate adeguate a consentire all’Ufficio preposto di esaminare e verificare diverse richieste di cittadini residenti, alcune delle quali presentano requisiti tali per l’erogazione del contributo di assistenza economica, in base ai parametri che sono stati utilizzati; che in data 26 Febbraio 2013, con Delibera di Giunta Municipale n. 54, è stata assegnata alla Dirigente Responsabile del Settore Affari Generali e Servizi alla Persona la somma di euro 250,00, sufficiente per la concessione di un solo ulteriore contributo di natura economica; ritenuto che alla data odierna diverse richieste di cittadini non sono state esaminate ed evase dal competente Ufficio per mancanza delle relative somme; che si tratta di importi sicuramente contenuti;che tutti i cittadini devono essere considerati e trattati allo stesso identico modo, senza distinzione alcuna; che si tratta di istanze presentate da cittadini che versano in particolare stato di disagio economico-sociale;tutto ciò premesso e ritenutosi propone al Consiglio Comunale di impegnare la Giunta Municipale a stanziare subito le somme necessarie a consentire l’erogazione del contributo di assistenza economica una-tantum ai cittadini cui non è stato ancora concesso”.