Abusavano sessualmente di due minori: arrestati i nonni ed un’altra persona a Messina

MESSINA –Questa mattina gli agenti della Sezione di Polizia Giudiziaria della Polizia di Stato hanno dato esecuzione all’Ordinanza di misura cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Messina, Maria Giovanna Vermiglio, su richiesta del Sostituto Procuratore presso la Procura della Repubblica di Messina Liliana Todaro, nei confronti di tre persone , rispettivamente di 65, 50 e 30 anni, poiché, in tempi diversi, abusando delle condizioni di inferiorità fisica e psichica di due minori li costringevano a subire e praticare atti sessuali, con l’aggravante di aver commesso detti fatti su minori di anni 10 con violenza e minaccia. Il sessantacinquenne e la cinquantenne sono responsabili di aver commesso i fatti su discendenti essendo loro i nonni materni a cui i due minori erano stati affidati. Questi, approfittando dello stato di soggezione dei nipotini, ingenerato dai continui maltrattamenti e percosse subite, li avrebbero costretti a prestazioni sessuali con terzi soggetti non identificati, presumibilmente, in cambio di un’utilità economica.

In particolare i due minori, rispettivamente di anni nove ed otto, dopo la morte della loro madre erano stati affidati ai nonni materni fino all’agosto del 2009, allorquando i Giudici del Tribunale per i Minorenni, esaminati gli atti e le relazioni degli assistenti dei servizi sociali e preso atto delle carenze nell’educazione e nella cura dei nipoti, disponevano l’allontanamento dei piccoli dalla residenza dei nonni e l’inserimento degli stessi in una comunità di tipo familiare.

I due bambini, sin dall’ingresso in Comunità, oltre presentare carenze nell’aspetto e nella cura di se stessi, assumevano atteggiamenti particolarmente indicativi di un disagio psicologico. In particolare, i due ragazzini manifestavano particolare inquietudine, assumendo atteggiamenti erotizzanti l’uno nei confronti dell’altro. A poco a poco, ormai al sicuro nella Comunità, i due minori avendo riacquistato dignità e libertà si sono aperti confidandosi con le responsabili del centro, riferendo loro di essere stati sottoposti dai nonni a continue sofferenze fisiche e morali e abusi di natura sessuale.

L’attività d’indagine, espletata dagli agenti della Sezione di P.G. della Polizia di Stato, prevalentemente tendente a riscontrare le dichiarazioni riferite dai minori, ha consentito di individuare, altresì, le responsabilità penali in capo ad una terza persona, frequentatrice dell’abitazione dei nonni, che con la compiacenza e partecipazione attiva degli stessi, abusava dei minori.