DACIA MARAINI: NELLA CANZONE SICILIANA LA STORIA DI TANTE MADRI CHE SPINGONO LE FIGLIE A SUBIRE ABUSI PER UN PO’ DI CELEBRITÀ

La grande scrittrice Dacia Maraini nel romanzo “La grande Festa” (Rizzoli, 2011), racconta di coloro che ha amato e che l’hanno amata, che non ci sono più e che vivono sempre dentro i suoi ricordi. La Maraini nel suo romanzo cita pure il bel libro curato da Mimmo Mollica, Le più belle canzoni canzoni siciliane (Armenio Editore)”.

MESSINA – La grande scrittrice Dacia Maraini, tra i maggiori esponenti della cosiddetta “generazione degli anni trenta”, primogenita della principessa siciliana e pittrice Topazia Alliata, dell’antico casato siciliano degli Alliata di Salaparuta, nel suo penultimo romanzo “La Grande Festa” (Rizzoli, 2011), racconta  di coloro che ha amato e che l’hanno amata, che non ci sono più  e che vivono sempre dentro i suoi ricordi. La Maraini nel suo romanzo cita pure “il bel libro curato da Mimmo Mollica, Le più belle canzoni siciliane (Armenio Editore)” e pubblica alcuni testi “non edulcorati da stupidi compiacimenti hollywoodiani.”

Be the first to comment on "DACIA MARAINI: NELLA CANZONE SICILIANA LA STORIA DI TANTE MADRI CHE SPINGONO LE FIGLIE A SUBIRE ABUSI PER UN PO’ DI CELEBRITÀ"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.