Sicilia, l’Ars accelera sulla riforma delle Province: istituite le città metropolitane

PALERMO – Le città metropolitane in Sicilia adesso sono una realtà. Grazie all’accordo raggiunto dalla maggioranza con Movimento 5 stelle e Nuovo Centrodestra, l’Ars ha approvato in serata l’articolo 7 della riforma delle Province, contenente la norma che istituisce le tre città metropolitane di Palermo, Catania e Messina. La norma è contenuta nel disegno di legge di riforma delle Province regionali, sostituite con i Liberi consorzi.  La norma sulle città metropolitane, emendata dal Ncd col parere favorevole del governo e della commissione Affari istituzionali, prevede che il territorio delle città metropolitane coincida “con quello delle aree metropolitane individuate con decreto del presidente della Regione del 10 agosto 1995 e dei rispettivi comuni.     Dopo lo stop subito due settimane fa, con l’approvazione di un emendamento che quasi cancellava le città metropolitane, la maggioranza e il governo Crocetta hanno trovato un accordo con alcune forze di opposizione per evitare una nuova bocciatura che avrebbe significato l’addio definitivo alla riforma. Il testo approvato dell’articolo 7 è una riscrittura del testo inizialmente proposto dal Governo, che prevede l’istituzione delle città metropolitane di Palermo,Messina e Catania  lasciando però libertà di scelta ai Comuni limitrofi sull’aderire a questi nuovi enti oppure ai Liberi consorzi. “Nella riscrittura prevediamo anche che negli organi di gestione delle città metropolitane ci siano anche i consiglieri comunali”, ha osservato il presidente Crocetta in aula aprendo la seduta, dopo che per quanto riguarda i Liberi consorzi era stata prevista solo una rappresentanza dei sindaci. L’aula adesso dovrà votare gli ultimi quattro articoli della riforma, quelli che affrontano gli aspetti tecnici. “La riforma ha adesso i contorni di una buona riforma: dopo 68 anni abbiamo istituto i Liberi consorzi, e oggi siamo la prima regione italiana a istituire le città metropolitane, in linea con lo statuto siciliano e la costituzione – ha sottolineato il capogruppo del Pd all’Ars, Baldo Gucciardi -. Il Pd ha avuto un ruolo determinante in questa riforma, che deve ancora essere completata con gli ultimi articoli e il voto finale. Il voto a favore di M5s e Ncd conferma che le riforme vanno condivise“. Il presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone ha rinviato a domani, alle 16, i lavori parlamentari per l’esame degli ultimi articoli del ddl sulle Province.

 

Be the first to comment on "Sicilia, l’Ars accelera sulla riforma delle Province: istituite le città metropolitane"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.