Fiumara d’Arte rinuncia a finanziamento Regione, stop a clientele

CASTEL DI TUSA (ME)- La Fondazione Fiumara d’Arte di Antonio Presti dice no allo stanziamento di 59mila euro a proprio favore. “Un atto politico per il rispetto della Cultura dice Presti contro una politica incapace di assumersi la responsabilità di un cambiamento vero. Ho detto già no in passato e lo ridico anche questa volta”. Già nel 2013, infatti, la Fondazione, inserita tra gli enti beneficiari dei fondi previsti dalla cosiddetta “ex Tabella H”, aveva rinunciato a 80 milioni. “Se la politica non elimina il mortificante strumento della Tabella H dice ancora Presti , la Fondazione Fiumara d’Arte dirà sempre ‘no’. Il potere deve assumersi la responsabilità di concepire una vera politica culturale che consenta una pianificazione almeno triennale delle attività. La Fondazione Fiumara d’Arte intende chiarire pubblicamente che non ha fatto nessuna richiesta di finanziamento. Se l’anno scorso non abbiamo condiviso la Tabella H, non possiamo condividerla neanche quest’anno che nulla è cambiato”. La Fondazione chiede alla Regione, al presidente e alla giunta “di pensare a un futuro senza Tabella H, fondato su strumenti legislativi e normativi che possano garantire la continuita’”. Presti spiega che “quella intrapresa è una protesta etica che chiede il rispetto della cultura e del principio di meritocrazia, tagliando le clientele”.

Be the first to comment on "Fiumara d’Arte rinuncia a finanziamento Regione, stop a clientele"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.