Santa Croce Camerina – Loris è stato strangolato con una fascetta di plastica

Secondo indiscrezioni fascette per i cavi elettrici come quella che è servita per uccidere il bambino sarebbero state sequestrate durante una delle tante perquisizioni

SANTA CROCE CAMERINA (RG) – Una fascetta elettrica lunga e larga: sarebbe questa “l’arma” utilizzata per uccidere Loris Stival. È quanto emerge da indagini eseguite sul corpo e da successivi accertamenti investigativi. Secondo quanto si è appreso, la Procura di Ragusa ha disposto apposite ricerche durante perquisizioni e rilievi eseguiti e in corso.
Dagli esami autoptici il bambino presenta dei graffi al collo e al viso che, secondo quanto si apprende da più fonti, sarebbero stati causati dal laccio utilizzato per strangolarlo. Il bambino, al momento del ritrovamento, indossava tutti gli abiti che aveva quella mattina, compreso il grembiule di scuola, e gli unici elementi che mancavano erano gli slip e lo zaino, che non sono ancora stati trovati.
Secondo indiscrezioni, durante le perquisizioni che sono state effettuate in nottata, sarebbero state acquisite delle fascette per legare cavi elettrici. La notizia però non è stata nè confermata, nè smentita dalla Procura.
Ci sono almeno tre incongruenze nei due verbali firmati finora dalla mamma di Loris, Veronica Panarello. Incongruenze che riguardano la distanza dalla scuola a cui sarebbe stato lasciato il piccolo; un sacchetto dei rifiuti, che sarebbe stato gettato nei pressi dell’abitazione e la partecipazione al corso di cucina presso la tenuta Donnafugata.
“Avevo notato che il bambino da una settimana era più nervoso del solito”. Lo ha messo a verbale lo scorso 30 novembre la mamma di Loris, Veronica Panarello. Il giorno precedente la donna aveva spiegato agli investigatori che “Loris non andava a scuola molto volentieri perché diceva che lo prendevano in giro”.

Be the first to comment on "Santa Croce Camerina – Loris è stato strangolato con una fascetta di plastica"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.