E’ durata poco: la benzina sale

Non si fermano gli aumenti dei prezzi del carburante: colpa dell’impennata dei mercati internazionali

ROMA – Non si fermano gli aumenti dei prezzi raccomandati sulla rete carburanti italiana. Sull’onda dell’impennata messa a segno ieri dai mercati internazionali dei prodotti oil, infatti, Eni ha rivisto al rialzo i listini di benzina e diesel di 2 cent/litro. Ritocchi all’insù, inoltre, sono stati apportati da Tamoil (+1 cent sui due carburanti) e IP (+0,5 cent).Sul territorio, di conseguenza, prezzi praticati in salita in tutte le macro aree del Paese. Secondo quanto risulta in un campione di impianti che rappresenta la situazione italiana per il servizio Check-Up Prezzi QE, il prezzo medio praticato servito della benzina va oggi dall’1,625 euro/litro di Eni all’1,640 di Q8 e Shell (no-logo a 1,481). Per il diesel si passa dall’1,543 euro/litro di Eni all’1,561 di Tamoil (no-logo a 1,385). Il Gpl, infine, è tra 0,590 euro/litro di Esso a 0,628 di Shell (no-logo a 0,570). Le punte massime sempre sul “servito” (no-logo escluse), osservate per tutti e tre i prodotti nell’Italia meridionale, risultano in salita a 1,712 euro/litro per la benzina e a 1,607 euro/litro per il diesel, mentre sono stabili a 0,657 euro/litro per il Gpl. Anche sul self, intanto, prezzi in crescita rispetto alla scorsa settimana.

Be the first to comment on "E’ durata poco: la benzina sale"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.