Truffe UE a Caltagirone, tra gli arrestati anche tortoriciani

Tra gli indagati, interi nuclei familiari in alcuni casi collegati con esponenti di spicco della criminalità organizzata

CALTAGIRONE  (CT) –  Attraverso le banche dati dei centri di assistenza agricola Caa verificavano quali terreni in tutta la Sicilia non avessero mai fatto richiesta dei contributi erogati a fondo perduto dall’Unione europea. E con l’aiuto di una serie di prestanome, ripagati con mille euro circa ciascuno, riuscivano a incamerare i fondi senza nessun controllo sulla veridicità degli atti di proprietà presentati ai funzionari dei Caa complici. Tra i terreni «c’erano infatti anche aree appartenenti alla Diocesi di Agrigento, al Consorzio Sviluppo Industriale di Gela e al Comune di Termini Imerese», come ha spiegato questa mattina in conferenza stampa nel comando della guardia di Finanza di Catania il procuratore capo di Caltagirone, Giuseppe Verzera, illustrando l’operazione denominata Reaping Il meccanismo utilizzato per le truffe è definito «semplice quanto difficile da scoprire», dal magistrato titolare dell’inchiesta, il sostituto procuratore di Caltagirone Ilaria Corda: la guardia di Finanza «ha analizzato nel corso di un anno le denunce atomistiche di ignari proprietari su centinaia di terreni sui quali erano già stati erogati i fondi a loro insaputa, ricostruendo il meccanismo. Tutto passava per l’accoglimento dei documenti di proprietà o di locazione dei terreni, spesso non registrati o palesemente falsificati». Su mandato della procura i finanzieri hanno quindi eseguito il sequestro di beni per 2,7 milioni di euro. Si tratta di immobili, terreni, autoveicoli, quote societarie e denaro per garantire il recupero delle somme indebitamente percepite dagli indagati. La cifra è comunque «considerata solo una parte dei fondi Pac – la politica agricola comunitaria – incamerati in modo fraudolento. Stiamiamo circa un quarto del reale ammontare del totale della truffa», spiega il capitano della Gdf di Caltagirone Michele Solazzo, che ha condotto le indagini. Questa mattina sono state eseguite anche nove esecuzioni di ordini di custodia cautelare, tre dei quali verso i titolari dei Caa che hanno emesso le false certificazioni all’Ue. Si tratta di Gianluca Faranda, 33enne, del 31enne Davide Faranda, e del 29enneDavide Ivan Faranda, tutti e tre di Tortorici, di Giuseppe Natale Spasaro, 60enne di Galati Mamertino, di Orazio Acciarito, 44 enne di Lentini e titolare di un Caa a Caltagirone, di Mario Oliva, 51 anni di Vizzini, di Maria Rosita Conti Taguali, 37enne di Caltagirone, di Liliana Giuseppina La Ferlita, 32enne di Vizzini titolare del Caa di Lentini, e di Sebastiano Licciardino, 65enne di Militello in Val di Catania e anche lui di un centro di assistenza agricola a Catania.

Be the first to comment on "Truffe UE a Caltagirone, tra gli arrestati anche tortoriciani"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.