Liberi consorzi. Interviene Germanà: “Un bluff ai danni dei cittadini”

L’istituzione dei liberi consorzi doveva e deve essere un’opportunità non un ennesimo bluff ai danni dei cittadini

PALERMO – A rischio centinaia di posti di lavoro per i dipendenti delle aziende a partecipazione provinciale. L’on. Germanà considera “folle” solo ipotizzare di lasciare sul lastrico 800 famiglie. Il deputato regionale del Nuovo CentroDestra, On. Nino Germanà,  così commenta la notizia apparsa sulla stampa.“L’ho asserito dal primo giorno: la riforma delle province andava fatta, per carità, ma bisognava potenziare, migliorare, accrescere la qualità dei servizi, sburocratizzare, operare una seria spending review e rivedere i costi di spesa di enti e “controenti”, rendere tutto più conforme alle esigenze la qualità della vita dei siciliani e garantire un’ adeguata erogazione dei servizi”, dichiara deputato regionale del Nuovo CentroDestra.Secondo l’on. Germanà una “buona riforma” non dovrebbe prevedere illicenziamento di 800 dipendenti i quali, non soltanto forniscono dei servizi essenziali (pulizia stradale, manutenzione immobili, spazzaneve, ecc), ma sono stati già fortemente penalizzati negli ultimi 3 anni, stando a quanto denunciato da Uiltucs, poiché non ricevono i pagamenti dovuti.“L’istituzione dei liberi consorzi doveva e deve essere un’opportunità non un ennesimo bluff ai danni dei cittadini” continua il parlamentare Ncd. Il deputato regionale intende fare chiarezza circa quanto sarebbe emerso in commissione affari istituzionali in proposito e se verrà confermato quanto denunciato dalla sigla sindacale si farà promotore della battaglia in difesa di questi posti di lavoro  nell’interesse dei cittadini.

Be the first to comment on "Liberi consorzi. Interviene Germanà: “Un bluff ai danni dei cittadini”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.