Cede un pilone della Palermo-Catania: paura sul viadotto, autostrada chiusa

Una frana ha coinvolto almeno tre pile del viadotto ‘Himera’, provocando un vistoso avvallamento. Il traffico viene deviato su percorsi alternativi in entrambe le direzioni: sul posto personale Anas e polizia stradale

SCILLATO (PA) – Una frana all’altezza del chilometro 57,500, della A19 Palermo-Catania, a 500 metri dallo svincolo di Scillato, ha costretto gli uomini dell’Anas a chiudere precauzionalmente l’autostrada. Nel manto stradale si è formato un vistoso avvallamento. Numerosi automobilisti sono rimasti bloccati e lungo l’autostrada si sono formate lunghe code. Il movimento franoso ha coinvolto almeno 3 pile del viadotto ‘Himera’, una delle quali si è inclinata determinando un forte spostamento dell’impalcato nella direzione della carreggiata. L’Anas riferisce che il fenomeno potrebbe non essersi esaurito e, per tenerlo sotto controllo, “è stato immediatamente disposto un sistema di monitoraggio degli spostamenti della struttura per valutare anche l’eventuale interessamento della carreggiata adiacente in direzione Palermo, che sino ad ora non appare interessata da alcun dissesto”. L’autostrada A19, quindi, al momento rimane chiusa nel tratto compreso tra Scillato e Tremonzelli, in entrambe le direzioni. Tecnici e personale dell’Anas sono sul posto anche per garantire la gestione della viabilità. La frana ha anche interessato la strada provinciale 24, nel tratto adiacente all’autostrada, che rimane anch’essa chiusa altraffico. Per i mezzi leggeri in direzione Catania è istituita l’uscita obbligatoria a Buonfornello, proseguendo sulla SS120 fino a Tremonzelli; mentre per i mezzi pesanti è indicato il percorso sull’autostrada A20, in direzione Messina. In direzione Palermo, è istituita per tutti i veicoli l’uscita obbligatoria a Tremonzelli.

Be the first to comment on "Cede un pilone della Palermo-Catania: paura sul viadotto, autostrada chiusa"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.