Ospedale Papardo – Sedava i pazienti per poi rapinarli: ecco come l’infermiere utilizzava le carte di credito rubate

Lorenzo Leardo, 42 anni, sedava i pazienti  per poi fare acquisti fino a 2 mila al giorno con le loro carte di credito

MESSINA – Sedava i pazienti per poi derubarli. I carabinieri hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un infermiere in servizio presso l’ospedale “Papardo” che si appropriava di soldi e carte di credito. In manette Lorenzo Leardo, 42 anni, che nel dicembre scorso era stato indagato dai militari della Stazione di Faro Superiore per avere somministrato un potente farmaco a un paziente che, al suo risveglio, non aveva piu’ il portafoglio. Analogo episodio nel maggio 2014 quando, dopo avere sedato un docente universitario, si era impossessato della sua carta di credito per poi effettuare acquisti in vari esercizi commerciali della citta’. A incastrarlo i filmati delle telecamere di sicurezza dei negozi, nonche’ i minuziosi accertamenti bancari che hanno dimostrato le transazioni illecite che l’infermiere effettuava utilizzando le carte di credito rubate mentre i pazienti risultavano essere ancora ricoverati. Supermercati, negozi di elettronica e distributori di carburante erano gli obiettivi prediletti dall’infermiere che, al termine dell’orario di servizio, effettuava transazioni fino a 2000 euro al giorno ponendo poi la sua firma fasulla sugli scontrini fiscali. L’uomo, detenuto presso il carcere di Enna, deve rispondere di rapina aggravata nei confronti di persona incapace di intendere e di volere e di utilizzo indebito di carta di credito.

Be the first to comment on "Ospedale Papardo – Sedava i pazienti per poi rapinarli: ecco come l’infermiere utilizzava le carte di credito rubate"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.