Si scontra con un autocompattatore, muore a 14 anni una giovane promessa del ciclismo messinese

Nibali piange per il suo pupillo e al Giro chiede un minuto di silenzio

MESSINA – La notizia della morte di Rosario Costa, giovane promessa del ciclismo italiano e talento iscritto alla ASD Nibali, la squadra dilettantistica di Vincenzo Nibali, è giunta fino al campione, impegnato nel Giro D’Italia.Il giovane ciclista si stava allenando con il padre e alcuni amici lungo la litoranea, nei pressi di Messina, scontrandosi contro un compattatore della Messinambiente, che proveniva in senso opposto. Inutili i soccorsi, con il ragazzo, recentemente quinto al campionato siciliano Allievi, che sarebbe deceduto rapidamente. Immediatamente informato dell’avvenimento, Vincenzo Nibali è stato profondamente toccato dalla notiza, chiedendo un minuto di silenzio in omaggio al suo giovanissimo pupillo. Rosario Costa frequentava l’istituto tecnico Caio Duilio “Nautico” ed era una promessa del ciclismo cittadino. Era tra i pochi messinesi presenti a Catanzaro, per la partenza della quarta tappa del Giro, la prima in Italia dopo le tre corse in Olanda. In Calabria aveva salutato Vincenzo Nibali, con cui aveva scattato alcune foto ricordo in albergo. Lo scorso 8 maggio era arrivato quinto al campionato siciliano allievi.

Be the first to comment on "Si scontra con un autocompattatore, muore a 14 anni una giovane promessa del ciclismo messinese"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.