Il centro di riabilitazione SSR di Capo d’Orlando nella bufera per la continuità negata.

I genitori, indignati, hanno rassegnato le dimissioni, dopo il licenziamento di una specialista 

CAPO D’ORLANDO (ME) – Il riguardo verso la disabilità deve essere prioritario. Al centro di riabilitazione SSR di Capo d’Orlando si è verificato un fatto increscioso che tocca i più deboli. Un centro che dovrebbe tutelare questa fascia, così di sana pianta decide di licenziare una specialista che seguiva circa 17 bambini, alcuni con ritardo, altri con patogie serie e gravi, è stata licenziata interrompendo così la continuità. I genitori, indignati, circa 15, hanno rassegnato le dimissioni, perché indignati e non intendono MAI PIÙ rientrare in quel centro che ga creato disagi e problemi. Un attento centro tende a salvaguardare le categorie protette e dei più deboli, non accentuare le difficoltà. Questo è deplorevole ed i genitori manifestano sdegno . Nessun serio professionista avrebbe fatto questo. Per cui l’affidabilità e la garanzia che può dare un centro qual’è?

Be the first to comment on "Il centro di riabilitazione SSR di Capo d’Orlando nella bufera per la continuità negata."

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.