Nove anni fa la catastrofica alluvione di Giampilieri e Scaletta Zanclea


MESSINA – Sono passati nove anni da quel tragico giorno, quando una bomba d’acqua rase al suolo Giampilieri e Scaletta Zanclea, provocando distruzione e morti. Furono 37 le vittime innocenti nel Messinese. Da quella tragedia è ricominciata la ricostruzione, ma ancora non tutto è stato completato. Il sindaco di Messina, Cateno De Luca, dedica un pensiero alle vittime ed ai sopravvissuti. “Ho rilevato che non risultano ancora liquidate le somme, si tratta di oltre un milione di euro già da anni disponibili nelle casse comunali, dovute per le espropriazioni resesi necessarie per i lavori di ricostruzione e messa in sicurezza delle aree devastate dall’alluvione. L’impegno che assumo, quindi, è quello di garantire – dopo una lunga ed inspiegabile attesa – la liquidazione di questa trance di risorse in tempi brevi. Ho inoltre constatato che ancora la regione siciliana non ha erogato oltre 4 milioni di euro di finanziamenti per opere previste nel piano di ricostruzione del nostro territorio martoriato dal tragico evento alluvionale. Anche in questa direzione l’amministrazione comunale precederà senza indugio a far rispettare gli impegni assunti con la comunità”.