La bandiera Alberto Re lascia la Stefanese calcio

nella foto Alberto Re

S. STEFANO DI CAMASTRA – Questo lungo calvario ha ormai le ore contate, infatti, si è giunti quasi al capolinea e la corsa contro il tempo inizia a farsi sempre più in salita, per chi è chiamato a risolvere questa grossa patata bollente che riguarda il salvataggio della Stefanese calcio. Stando ai comunicati frammentari che escono sui social, sembra dopo vari incontri avuti dall’assessore allo sport, una donna ha dato la propria disponibilità per entrare a far parte della società, ed inoltre, lo stesso assessore sta lavorando su diversi fronti per reperire degli sponsor. La situazione rimane ancora ingarbugliata e il tempo a disposizione si riduce notevolmente, per cercare di porre rimedio a questa triste storia calcistica. Intanto, il parco giocatori perde pezzi, a lasciare il sodalizio arancionero l’ultimo giocatore rappresentativo rimasto in organico, stiamo parlando di Alberto Re, che dopo 11 anni ha deciso di cambiare casacca. “Ai colori arancioneri ho dato tutto me stesso senza mai risparmiarmi, rifiutando ogni anno offerte importanti di altre società pur di salvare il patrimonio sportivo della nostra piccola comunità. Purtroppo, – continua Alberto Re – ciò che realmente è mancato in questi anni è stato un progetto duraturo, la lungimiranza di durare e non di sopravvivere anno dopo anno. In un comune di 4000 anime ci ritroviamo una società sportiva che non ha un proprio settore giovanile e una scuola calcio senza una prima squadra…Ci tenevo comunque a dire che esclusi gli anni di Presidenza di Fausto Pellegrino, unico in questi 11 anni ad aver erogato un rimborso spese agli Stefanesi, non ho mai percepito un euro. Io e i miei meravigliosi compagni di avventura, a cui sarò legato per sempre – ha proseguito Alberto Re – siamo sempre stati a disposizione di società e dell’amministrazione comunale. Nella riunione tenutasi il 30 giugno ho comunicato che in questa stagione non avrei potuto giocare gratis e che se fosse arrivata una squadra con un’offerta importante non avrei potuto dire no. Proprio per questo motivo ho deciso di accettare la proposta della Castelluccese. È una società seria, sostenuta da una intera comunità che con grossi sacrifici contribuisce a portare avanti lo sport nel proprio paese. Il mio cuore sarà sempre legato alla Stefanese e non posso che ringraziare tutte quelle persone che in questi anni si sono impegnate per tenere vivo il calcio a Santo Stefano di Camastra”.

Be the first to comment on "La bandiera Alberto Re lascia la Stefanese calcio"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.