Amministrative, tutti i sindaci. Barcellona al ballottaggio, a Lipari sbanca Giorgianni

Il principale test delle alleanze è Barcellona, dove è ormai certo il ballottaggio tra Rosario Catalfamo e Maria TeresaCollica. A Lipari sbanca Marco Giorgianni. A Santa Teresa il deputato Cateno De Luca ha in pugno la vittoria sul sindaco uscente Morabito. Alessandro Rasconà in netto vantaggio a Fiumedinisi. Riconfermati gli uscenti a Saponara, Librizzi, Longi e Rocca di Caprileone. Gli altri vincitori (aggiornamento ore 23.00)

Ad Acquedolci viene riconfermato sindaco l’uscente Ciro Gallo (cognato dell’assessore provinciale Pippo Di Bartolo) con la lista “Acquedolci, Coesione, Forza e Continuità” con 1242 preferenze, mentre Sergio Mezzanotte, ex presidente del Consiglio comunale, con la lista “Acquedolci nel cuore” si è fermato a quota 953 voti.

 

Ad Alcara Li Fusi Nicola Vaneria è sindaco con 837 contro Ettore Dottore che si ferma a 703 voti.

Al Comune di Brolo si riconferma sindaco Salvo Messina staccando di quasi 500 voti lo sfidante Cono Bruno, sostenuto dalla lista “Uniti per Brolo”.

 

Riconferma dell’uscente anche a Capri Leone dove Bernadette Grasso, con la lista “Nuovi Orizzonti per Capri Leone” raccoglie  891 voti mentre Maria Rosalba Todaro con la lista “Nuova Alleanza per Capri Leone” si ferma a quota 294.

 

Al Comune di Castelmola sfida chiusa tra Orlando Russo che diventa sindaco con 338 voti, 48,14% in percenetuale, sostenuto dalla lista Città Futura che ha ottenuto 403 voti, 49,81%. La candidata Antonietta Cundari ha incassato invece 193 voti, attestandosi sul 24,35%, sostenuta dalla lista Insieme Per Fare, che ha ottenuto il 24,47% dei voti. Mentre Carmelo Russotti incassa 171 preferenze, con il 27,49%, sostenuto dalla lista Democrazia e Libertà che ha ricevuto 208 voti, 25, 71%. Gli elettori erano 1004 e hanno votato in 702.

 

Al Comune di Castroreale Alessandro Portaro è sindaco con 964 voti contro i 597 ottenuti da Tindaro De Pasquale.

 

A Cesarò lo scontro tra il consigliere provinciale Salvatore Calì  e il sindaco uscente Antonio Caputo ha visto la vittoria ufficiale di Calì con 909 voti 56,43% e la lista Impegno in Comune che ha ottenuto 1029 voti con il 55,80%. Mentre Caputo ha incassato 702 preferenze con il 43,57%, la lista a sostegno Insieme per Cesarò ha ottenuto 815 voti e il 44,20%. Gli elettori erano in tutto 2683 hanno votato in 1901 per una percentuale del 70,85 (schede e voti non validi 57 di cui due bianche 5).

 

Al Comune di Fiumedinisi sfida tra i due delfini del deputato regionale Cateno De Luca, ovvero Alessandro Rasconà, presidente del Consiglio Comunale uscente con la lista “Fiumedinisi nel cuore” che con 438 voti ha staccato  l’imprenditore Francesco Sentineri (118e Francesco Repici, transitato dal Pdl al Mpa che ha ottenuto 352 preferenze.

 

A Francavilla il farmacista Giuseppe Bombara soccombe contro Lino Monea, attuale assessore provinciale ai Lavori Pubblici.

 

A Gaggi la sfida si chiude a favore di Francesco Tadduni con la lista “Insieme per Gaggi”: ha incassato 990 voti, il 45,26%. Stacca Leonardo Le Mura con la lista “Gaggi Unita” che si è fermato a 802 voti, il 36,34% delle preferenze.

 

Al Comune di Gallodoro Alfio Currenti ha incassato 142 voti, vincendo contro il sindaco uscente Mimmo Lo Monaco che si è fermato a 137 voti.

 

Per il Comune di Gioiosa Marea vince Eduardo Spinella, sostenuto dalla lista “Un paese in comune” con1536 voti – 37,44%.Batte Bruno Lena, con la lista “Uniti per Gioiosa” che ha ottenuto 1438 voti – 35,05%. A seguire il consigliere provinciale Giovanni Princiotta Cariddi, che ha ottenuto 1129 preferenze 27,52%. Affluenza 81,86%.

 

Al Comune di Itala vince Nino Crisafulli, già ex sindaco, con 747 preferenze, mentre Antonio Miceli con la lista “Itala nel cuore” ha ottenuto 321 voti.

 

Per il Comune di Letojanni Alessandro Costa è il nuovo sindaco con 765 voti. Marilena Bucceri, impiegata amministrativa al commissariato di Taormina e sostenuta dalla lista “Rinnovare per crescere” si è fermata a 705 preferenze. Infine il candidato Giuseppe Gullotta ha ottenuto 243 voti con una percentuale del 14,14%, sostenuto dalla lista “Letoj Crescita in natura” che ha incassato 297 attestandosi sul 15,44% .

 

Al Comune di Librizzi Renato Cilona sostenuto da “Nuovo impegno per Librizzi” è il riconfermato sindaco con 740 voti 64,18 % – Nuovo Impegno per Librizzi voti 770 – 59,46%, mentre Antonino Siragusano ha ottenuto 413 voti 35,82% – Insieme per il Bene Comune 525 – 40,54%. Elettori 2024 – votanti 1344 – % 66,40 – schede e voti non validi 31 di cui due bianche 8.

 

Al Comune di Lipari Marco Giorgianni, candidato dell’Udc con a sostegno le liste “Nuovo Giorno”, “Futuro e Libertà” e “Art.1” ha staccato di gran lunga tutti gli altri candidati (58,33% dei voti) ed è il nuovo sindaco del comune eoliano. A seguire Gianfranco Grasso con una percentuale che si aggira attorno al 20%subito dopo Ciccio Rizzo e il suo “Vento eoliano” sostenuto da Pdl, Mpa e civica raggiunge quota 12,18%. Ersilia Pajno con le liste Il Faro e Movimento Cristiano  arriva al 4,49% e Pietro Lo Cascio, La Sinistra Eoliana non raggiunge il 4,92%.

 

A Longi l’uscente Alessandro Lazzara si riconferma sindaco con 632 preferenze contro le 473 del predecessoreil dottor Antonino Fabio.

 

Al Comune di Malfa Il sindaco uscente Salvatore Longhitano si riconferma con 335 voti contro i 178 di Roberto Pirera.

 

Per il Comune di Mazzarrà Sant’Andrea il giovane plurilaureato Salvatore Bucolo, esperto al Comune di Messina del sindaco Buzzanca, ha vinto per una manciata di voti (8 preferenze) Carmelo Pietrafitta. Più staccato il terzo candidato DomenicoCrupi. 

 

A Merì invece nello scontro tra il sindaco uscente Felice Borghese e Carmelo Di Paola ha vinto Borghese  battendo per circa 150 voti il suo rivale.

 

Al Comune di Mirto in corsa Rosalia Lanza si ferma a 302 voti, contro Giuseppe Lanaro che conta 387 voti.

 

A Montalbano Elicona confronto a due tra Giuseppe Tortora e Filippo Taranto. Vince Taranto che ha ottenuto 946 voti, pari al 53,66%. Mentre Tortora, sostenuto dalla lista Per Montalbano, ha ottenuto 640 voti, pari al 36,30%.

 

A Motta d’Affermo il duello perde il sindaco uscente Antonino Pulvino che raggiunge quota 134 preferenze, mentre è sindaco Nunzio Marinaro con 292 voti.

 

Al Comune di Nizza di Sicilia la lista collegata alla candidata a sindaco Mimma Brigandì sarà “Libera Nizza” ha ottenuto 517 preferenze, mentre Giacomo D’Arrigo, l’altro candidato sindaco, sostenuto dalla lista “Cambia Nizza” ha ottenuto 490 preferenze. L’ultimo candidato è il sindaco uscente Giuseppe Di Tommaso, che viene riconfermato con 1014

 

Al Comune di Novara di Sicilia ha la meglio Girolamo Bertolami con 508 voti sostenuto dalla lista “Libertà e progresso” contro Luigi Munafò che ha incassato 367 voti sostenuto dalla lista “Democrazia”.

 

Per il Comune di Pagliara Sebastiano Gugliotta rappresentato dalla lista “Vincere per Pagliara”, si è fermato a 416 voti mentre e Domenico Prestipino ha incassato 441 voti e ha il sostegno della lista “Insieme si può”.

 

A Pettineo nella sfida tra Giuseppe Liberti, vicino al sindaco uscente ed Enza Bonadonna Pettineo, ha la meglio Liberti con 484 voti 51,22% sostenuto dalla lista Ancora uniti per Pettineo 574 – 54,82%, mentre Bonadonna ha ottenuto 461 voti con 48,78 % sostenuto dalla lista Crescere Insieme voti 473 – 45,18%. Gli elettori erano 2385, i votanti sono stati 1083 per una percentuale del 45,41% (schede e voti non validi 29 di cui due bianche 6).

 

Al Comune di Piraino Gina Maniaci ha vinto con 1289 voti contro i 798 di Condipodero Marchetta sostenuto dalla lista “Nuova Piraino”.

 

A Roccavaldina sfida a due tra Antonino Di Stefano e Grazia Paino. Antonino Di Stefano, sostenuto dalla lista Uniti per il paese che vogliamo-Roccavaldina San Salvatore Carda’, e’ il nuovo sindaco di Roccavaldina con il 49,64% dei voti, pari a 413 preferenze. La Paino, sostenuta dalla lista Rinascita roccese, ha ottenuto 349 voti, pari al 41,95%.

 

Al Comune di Roccella Valdemone la sfida tra Letteria Spadaro (detta Eliana), nipote di Francantonio Genovese e Antonino Pillera, ha visto primeggiare quest’ultimo con 237 voti ottenuti (53,02%) e la lista Noi Roccellesi con 279 (54,92%). Mentre la Spadaro si è fermata a 210 voti (46,98%). Lista Roccella Futura 229 voti (45,08%). Elettori 823, votanti 522 (63,42%), schede e voti non validi 14 di cui due bianche 2.

 

A Rodì Milici la sfida a due tra il sindaco uscente Filippo Carmelo Torre vede la riconferma di Torre per una manciata di voti. Il finale è Torre 722 preferenze, mentre Eugenio Aliberti 709.

 

A San Pier Niceto nuovo scontro tra Franco Pitrone e Luigi Pietro Calderone, che ha la meglio con 893 voti mentre lo sfidante si è fermato a 756.

 

Al Comune di San Piero Patti vince l’uscente Ornella Trovato con la lista “Noi per San Piero Unito” con 975 voti contro gli 876  dello sfidante Beppe Forzano, cognato del presidente del Consiglio provinciale Salvino Fiore, sostenuto dalla lista “Progetto Paese”.

 

Per il Comune di Sant’Alessio Siculo il nuovo sindaco è Rosanna Fichera che vince con 482 sul candidato Cetto Fleres che ha ottenuto 352 preferenze, più staccata la lista “Viviamo Sant’Alessio” del candidato sindaco Franco Santoro.

 

Ancora per il Comune di Santa Marina Salina scontata la vittoria del già sindaco Massimo Lo Schiavo con 363 voti 82,13 % e la lista Nuova Salina voti 461 – 81,16%. Mentre il il docente universitario Marcello Saija ha ottenuto79 voti 17,87% con la lista Unione voti 107 – 18,84% Gli elettori erano in tutto 1034 al voto sono andati 606 per una percentuale del 58,60% (schede e voti non validi 37 di cui due bianche 14).

 

Sorpresa al Comune di Santa Teresa di Riva dove ha stravinto il parlamentare regionale Cateno De Luca con 2200 voti, seguito dalla lista “Città Libera” del sindaco uscente Alberto Morabito che ha 1865 voti, Carlo Lo Schiavo ha ottenuto 1226, mentre Fabio Palella 150 preferenze.

 

Per il Comune di Santo Stefano Camastra vince il candidato a sindaco Francesco Re (1403 voti) con il sostegno della lista “Santo Stefano nel cuore”  che ha sfidato Carmelo Colombo (789) sostenuto dalla lista “Vivere S.Stefano” e l’ex consigliere provinciale Giuseppe Ruggieri (558) sostenuto dalla lista “Nuove idee”. Alcune contestazioni bloccano il dato definitivo.

 

Al Comune di Saponara Nicola Venuto sindaco uscente ha sfidato e battuto Natale Saponara, candidato di area Udc. Venuto ha ottenuto 1395 voti 65,25 %  con la lista Progetto Futuro voti 1817 – 66,07%. Mentre Natale Saponara ha incassato 743 preferenze per una percentuale di 34,75%, sostenuto dalla lista  Insieme per Saponara voti 933 – 33,93%. Il totale degli elettori era 3691, al voto sono andati 2957 per una percentuale del 80,11& (schede e voti non validi 176 di cui due bianche 21).

 

Al Comune di Savoca vince Paolo Trimarchi contro l’urologo Rosario Famulari. Trimarchi ha ottenuto 551 voti 57,58% – con la lista Insieme per Savoca voti 691 – 58,61%, mentre  Famulari ha ottenuto 406 voti 42,42 % con la lista Savoca Democratica voti 488 – 41,39% Su 1630 elettorali hanno votato in 1236 per una percentuale del 75,83% (schede e voti non validi 41 di cui due bianche 9).

 

Al Comune di Barcellona Pozzo di Gotto i votanti sono stati 27423 con una percentuale del 75,34%, in calo del 4,25% rispetto alla precedente elezione. E’ ormai certo il ballottaggio tra  Saro Catalfamo attuale assessore provinciale allo Sport e dermatologo (Pdl, Udc) che sin ora ha ottenuto circa 7064 voti 33,09% e Maria Teresa Collica (area Idv, Sel, comitati cittadini) sostenuta da due liste “Voltiamo pagina con il centrosinistra” e “Insieme per cambiare”, ha al momento ottenuto 6233 – 29,02%. La Collica in quest’ultima fase dello scrutinio ha staccato Santi Calderone che con le sue liste civiche ha ottenuto voti 4814 preferenze– 22,95%, mentre per il Terzo Polo Filippo Marte sin ora ha ottenuto 3236 – 15,16%.

Al Comune di Sinagra vince Enza Maccora con 529 preferenze, mentre il candidato Leone Agnello si ferma a 439, Vincenzo Ioppolo raggiunge quota 415 e Carmelo Rizzo 375.

 

Al Comune di Torrenova l’ex presidente del Consiglio Salvatore Castrovinci con la lista “Torrenova unita” fa il pieno con 1653 voti, contro il vicesindaco uscente Franco Dolce con la lista “Amare Torrenova” che si ferma a 807 preferenze. Pochi voti alla fine dello scrutinio.

 

Al Comune di Venetico si sono sfidati i candidati Luigi Bonfiglio, il sindaco uscente Carlo Lamberti, Francesco Rizzo e Angelo Laguidara. Ha avuto la meglio Rizzo.

 

A Villafranca Tirrena Matteo De Marco (Udc quota Naro) con il sostegno della lista “Per Villafranca Uniti con De Marco sindaco” è a quota 506, e stacca di molto gli sfidanti: Piero Argurio (83 voti) e l’ex consigliere provinciale PietroCostagiorgiano (140 voti).

Be the first to comment on "Amministrative, tutti i sindaci. Barcellona al ballottaggio, a Lipari sbanca Giorgianni"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.