MANOVALE DISOCCUPATO SI IMPICCA E POCO DOPO RICEVE UNA CHIAMATA DI LAVORO

GRAVINA (CATANIA) – Un manovale di 53 anni, Salvatore Bua, disoccupato, si e’ suicidato nella sua abitazione a Gravina di Catania. L’uomo, da sei mesi senza lavoro, si e’ impiccato a una trave con un laccio. A trovarlo e’ stata la moglie al risveglio. La tragedia e’ avvenuta ieri ma la notizia si e’ appresa soltanto oggi. E’ stata la moglie a raccontare ai carabinieri della compagnia di Gravina, intervenuti sul posto, che il marito era depresso perche’ non riusciva a trovare lavoro. L’uomo aveva tre figli.

Salvatore Bua, suicidatosi stamane perche’ depresso in quanto disoccupato, da sei mesi era senza lavoro fisso. Ultimamente non trovava piu’ neppure sistemazioni saltuarie. Una chiamata per un cantiere edile sarebbe arrivata questa mattina, la moglie avrebbe risposto tra le lacrime all’impresa ”perche’ non avete chiamato prima…”. L’uomo si e’ suicidato nel bagno di casa. Lascia tre figli: una femmina, sposata, e due maschi di 18 e 24 anni, quest’ultimo e’ tornato ieri dalla Svizzera, dove lavora.

Be the first to comment on "MANOVALE DISOCCUPATO SI IMPICCA E POCO DOPO RICEVE UNA CHIAMATA DI LAVORO"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.