L’ammiraglia della Msc approda al porto di Messina

La scelta del nome, Divina, è nata dal grande rapporto d’amicizia che lega il presidente di Msc, Gianluigi Aponte, all’attrice Sophia Loren

-di Nino Caliò

-MESSINA-L’ultima nave da crociera della classe lusso di Msc Crociere, Divina, è ormeggiata da stamani alla banchina Colapesce per il suo primo scalo nel porto di Messina. A portare il saluto dell’Amministrazione comunale al comandante della nuova unità, Giuliano Bossi, al country manager del mercato Italia della Msc, Leonardo Massa, è stato l’assessore alle politiche del mare, Pippo Isgrò.Presenti anche i presidenti della Provincia regionale, Nanni Ricevuto, e del Consiglio comunale, Giuseppe Previti. Sono stati donati dall’Amministrazione il crest e dei volumi sulla storia della città. Msc Divina è partita per il suo viaggio inaugurale da Marsiglia e presenta una serie di miglioramenti e di novità rispetto alle altre navi della flotta; tra queste la Infinity Pool a poppa, con la sua “zona spiaggia” adiacente alla balaustra in vetro, che offre una vista unica della scia della nave al tramonto. Eventi come l’arrivo della nave più grande mai costruita per un armatore europeo, rappresentano per Messina, con il suo territorio a prevalenza marittima, occasioni di primaria importanza. Una città a misura di turista è l’obiettivo che la civica amministrazione intende raggiungere disponendo di una risorsa “porto”, che in passato ha consentito a circa 350 mila croceristi di apprezzare le bellezze del territorio comunale e della provincia.“Per un porto naturale come quello di Messina – ha sottolineato l’assessore Isgrò – con il privilegio di essere al centro della città, la valorizzazione passa dall’offrire sempre maggiore sicurezza al crocerista, adeguata accoglienza ed assistenza, oltre all’utile informazione turistica. Vi è un impegno, insieme alle altre Istituzioni, per garantire un’organizzazione di servizi turistici efficiente per stimolare la curiosità del crocerista su alcune eccellenze del nostro territorio”. La possibilità di usufruire di un circuito culturale di musei e siti di particolare interesse storico artistico, di un’offerta enogastronomica implementabile con giornate tematiche su prodotti tipici, con un polo di attrazione di secolari tradizioni culturali e storiche rappresentano una valida alternativa per i croceristi, che sbarcano a Messina. La scelta del nome, Divina, è nata dal grande rapporto d’amicizia che lega il presidente di Msc, Gianluigi Aponte, all’attrice Sophia Loren, madrina dell’intera flotta Msc Crociere. Con 18 ponti, una stazza di 137mila tonnellate, lunghezza di 333,3 metri e larghezza di 38, Msc Divina ha 1739 cabine, viaggia alla velocità di 23,7 nodi, può ospitare fino a 3300 passeggeri con un equipaggio di 1300 persone. Divina effettuerà crociere per tutta la stagione estiva, che la terranno impegnata nel Mediterraneo orientale fino a ottobre, con tappe previste a Bari, Katakolon, Izmir, Istanbul, Dubrovnik, Venezia e quelle intermedie di Messina e Malta.