Tribunali, pronti i tagli – Scompaiono Mistretta e la sezione di S.Agata

-PALERMO-Il piano sembra ormai definitivo ed i tagli irreversibili. Il Governo è pronto a sopprimere Trentatre piccoli tribunali italiani e 37 procure considerate minori. E´ il piano pronto nei cassetti del ministero che dovrebbe essere attuato a partire da fine anno. Ma non basta, agli uffici già individuati si aggiunge anche la soppressione di tutte le 220 sezioni distaccate esistenti. Il bilancio, contenuto nel corposo rapporto messo a punto dal capo del Dipartimento dell’organizzazione giudiziaria Luigi Birritteri e ora al vaglio politico del ministro della Giustizia Paola Severino, pare quello che verrà attuato con la conseguenza, guardando alla nostra provincia, che scomparirà il tribunale di Mistretta e chiuderanno le sedi staccate di Sant´Agata Militello e Milazzo. La proposta, può subire qualche modifica prima di essere trasformata in decreto legislativo per dare piena attuazione alla legge delega sulla riforma della geografia giudiziaria, che ha già visto il taglio di 674 uffici del giudice di pace. Il testo potrebbe essere portato al Consiglio dei ministri già in settimana perché il tempo stringe: la delega, infatti, scade il 13 settembre e ciò significa che prima di quella data il decreto deve essere approvato dal governo, deve aver ottenuto (entro 30 giorni) i pareri obbligatori (ma non vincolanti) del Parlamento, deve tornare a Palazzo Chigi per il via libera definitivo ed essere firmato anche dal Capo dello Stato.

Il Rapporto è stato messo a punto in base ai criteri della legge delega e delle indicazioni del gruppo di lavoro insediato al ministero della giustizia  che, sulla base di una serie di parametri, aveva già ridotto a 37 i possibili tagli rispetto ai 57 ipotizzati inizialmente.
I limiti imposti dalla delega (per esempio la cosiddetta “regola del 3” secondo cui in ogni distretto devono essere mantenuti almeno 3 Tribunali con relative Procure) nel messinese, salva, oltre agli uffici del capoluogo anche Patti e Barcellona Pozzo di Gotto (mentre scompare Mistretta, il Tribunale considerato dal ministero, il più piccolo d’Italia). Se il rapporto fosse accolto e trasformato in decreto, consentirebbe di «movimentare» 461 magistrati e 7.000 dipendenti amministrativi. Il risparmio complessivo (al lordo del taglio dei giudici di pace) è stimato in 76 milioni di euro.