Svincoli. Arriva il “No” del Genio Civile. Viadotto cade a pezzi

Per il sindaco Buzzanca è emerso che lo svincolo è a norma, mentre il viadotto necessita di manutenzione da parte del Cas.

-di Nino Caliò

-MESSINA-Il Genio Civile di Messina ha dato parere negativo in merito agli svincoli Giostra – Annunziata perchè il viadotto Ritiro si trova in pessime condizioni e non rispetta i criteri antisismici previsti. La struttura, in base allo studio dell’Università di Messina, dovrebbe essere utilizzato per una sola corsia centrale, andrebbero effettuati interventi urgenti per l’incolumità di coloro che abitano sotto il viadotto.

 

n merito alla vicenda della decisione del Genio Civile sul collegamento degli svincoli il sindaco Buzzanca ha dichiarato che: “Finalmente, dopo mesi di polemiche preventive, tutto è chiaro. La soluzione tecnologica (giunto longitudinale di collegamento) non determina alcuna “interazione dinamica” con il viadotto “Ritiro”. L’opera è stata costruita a regola d’arte e nel rispetto delle norme vigenti al momento dell’appalto.”

 

“Questo è un dato incontestabile -prosegue il sindaco- e, spero, Grazie al complesso ed utilissimo lavoro commissionato dal Comune di Messina al Dipartimento di Ingegneria civile dell’Università (studio che avrebbe dovuto fare il Cas), invece, è emerso che il viadotto “Ritiro”, non è in grado, con riferimento ad uno scenario sismico “… di soddisfare le verifiche convenzionali” e, ciò, a “…prescindere dalla realizzazione del collegamento con le rampe di accesso dello svincolo di Giostra”.

 

“In buona sostanza, grazie alla relazione redatta dal Dipartimento universitario di ingegneria civile, è emerso in modo evidente che il Viadotto “Ritiro”, indipendentemente dagli svincoli, necessita di interventi urgenti ed indispensabili che, nelle more, salvo la preventiva installazione di “appoggi e ritegni antisismici”, potrebbe e dovrebbe essere utilizzato in modo parziale. Le verifiche con l’utilizzo di una corsia convenzionale di larghezza pari a 3.50 m., posta al centro della carreggiata e soggetta al massimo carico convenzionale, hanno, infatti, dato esito positivo. In conclusione, seppure temporaneamente e nelle more dell’esecuzione dei necessari lavori che il Cas, comunque, dovrà realizzare, sarà possibile per i Messinesi, conclusi i lavori di installazione del “giunto longitudinale”, fruire della tanto agognata opera strategica che, finalmente, dovrebbe risolvere o comunque attenuare sensibilmente il problema del traffico veicolare. Il Cas, pertanto, utilizzi il prezioso lavoro svolto dall’Università e si adoperi con la massima celerità ad eseguire tutti i necessari lavori che garantiscano la sicurezza del manufatto. L’opera dopo 30 anni – conclude Buzzanca- è stata completata. Ora è arrivato il momento che ciascuno si assuma le proprie responsabilità, il resto non conta.