SALVO FLERES (GRANDE SUD) UN ANNO FA A FREEDOM: “LOMBARDO TRADITORE”

Salvo Fleres, eletto in Parlamento per il Popolo della Libertà nel 2008, poi passato al partito di Gianfranco Micciché Grande Sud. L’intervista fu pubblicata dal periodico Freedom24.

Oggi Fleres è ancora in Grande Sud, partito alleato di Raffaele Lombardo e del suo Mpa (oggi Partito dei Siciliani), e sostiene la candidatura del suo leader, Micciché, alla presidenza della Regione Siciliana. Ecco cosa  dichiarò, nemmeno un anno fa, lo stesso Fleres a proposito del suo primo alleato di oggi, Raffaele Lombardo.

“Lombardo ha tradito il mandato elettorale ricevuto, dalla maggioranza che lo ha sostenuto e dai siciliani. Lo ha tradito nel momento in cui ha ritenuto di costruire un governo funzionale all’acquisizione di consensi per il suo partito. Si è alleato con i suoi avversari pur di perseguire questo progetto. Se confrontassimo i discorsi elettorali suoi e quelli della senatrice Anna Finocchiaro (attuale presidente dei senatori del Pd, ndr), allora sua diretta avversaria mentre oggi è invece alleata, ci accorgeremmo quanta contraddizione politica è capace di rappresentare oggi il Presidente della Regione”.

 

Alle prossime elezioni regionali, Grande Sud come si collocherà?

“Sul piano squisitamente culturale, potrei dire che il Pdl è il nostro alleato naturale. Noi non siamo nati, però, per fare gli alleati del Pdl. Siamo nati piuttosto per sostenere le ragioni dei siciliani e del meridione. Se troveremo nel Pdl la nostra stessa prospettiva programmatica, non c’è dubbio che noi ci alleeremo per costituire una grande alleanza di centrodestra che possa riuscire a vincere e governare questa difficile regione. Diversamente, siccome le riforme si fanno governando, guarderemo altrove”.

 

Porrete un veto sull’eventuale alleanza con Il Mpa?

“Il Mpa si è posto da solo contro ogni tipo di alleanza. Con noi ha rotto per il tradimento di cui sopra, con la sinistra sta rompendo in questi giorni perché non si tratta del suo alleato naturale. Credo si arriverà a tre candidati alla presidenza della regione: uno espressione dal centrodestra, presumibilmente il leader di Forza del Sud, Gianfranco Micciché. Uno di centrosinistra, scelto con molta probabilità attraverso elezioni primarie senza regole, e quindi col rischio di avere un candidato a sinistra scelto da cinesi piuttosto che da elettori del centrodestra. E un candidato del cosiddetto Terzo Polo, se si farà, espressione del Mpa o dell’Udc”.