Lista Musumeci, ecco il simbolo

Presentato stamane il logo della lista a sostegno di Musumeci presidente per le prossime elezioni regionali.

-di Nino Caliò

-PALERMO-Alla presenza del senatore Enrico La Loggia, del presidente dell’Ars, Francesco Cascio, di uno dei coordinatori del Pdl Sicilia, Dore Misuraca, del leader del Pid-Cantiere Popolare, Saverio Romano, e del presidente di FareItalia, Adolfo Urso, dei rappresentati dei movimenti che sostengono la candidatura di Nello Musumeci, e di altri esponenti politici, è stato mostrato alla stampa il simbolo: sfondo rosso, con la scritta Nello Musumeci Presidente sottolineata da una striscia orizzontale gialla.
“Il primo grande sforzo da Presidente sara’ quello di far capire che i catanesi non sono tutti uguali, non vorrei essere accostato ad altre esperienze, e’ un’impresa difficile e non voglio fare allusioni o riferimenti. La Sicilia ha avuto sei o sette Presidenti catanesi. Vorrei distinguermi perche’ ognuno di noi lascia l’impronta del proprio vissuto..” “non voglio essere accostato ad altre esperienze verso cui ho rispetto, ma le affido al giudizio, alcune della storia e altre della cronaca”. Parlando con i giornalisti, Musumeci ha detto inoltre che “Vorrei che si ristabilisse un clima di serenita’ tra tutte le forze politiche per creare, nel rispetto reciproco delle posizioni, un contesto piu’ favorevole per una stagione di rinascita e di svolta. Gli ultimi anni sono stati caretterizzati da profonde divisioni, dissidi e contrasti. Si sono pregiudicati anche rapporti personali che si erano consolidati nel corso di una vita. Il mio compito non e’ solo quello di intercettare il residuo dei veleni che permane sulla scena siciliana, ma anche di lavorare per bonificarla”.
“I miei avversari sono in campagna elettorale da oltre un mese, ma i sondaggi ci danno a volte avanti, a volte nel testa a testa. Siamo moderatamente ottimisti e non posso che sentirmi lusingato, ma non mi lascio incantare dalle sirene dei sondaggi. Io la mia campagna elettorale la faccio in lungo e in largo per la Sicilia, parlando con la gente, soprattutto per chi non ha mai votato per un candidato di centrodestra”. Al programma, che sara’ “agile e snello”, stanno lavorando i “rappresentanti del mondo che vorremmo avere al centro del nostra azione programmatica: il mondo dell’agricoltura, dell’industria perche’ ogni contributo e’ importante”. E se sara’ eletto intende prendere casa a Palermo e non abitare a Palazzo d’Orleans: “In una regione dove quaranta mila famiglia cercano casa, il presidente della Regione farebbe bene a non vivere in un palazzo ma in una casa normale”.