Sciopero dei marittimi nello Stretto

-Tensioni e scontri, interviene la Guardia Costiera. Messina e Villa sono in tilt, lunghe code

-STRETTO DI MESSINA-Disagi sullo Stretto di Messina per lo sciopero di 24 ore dei marittimi della societa’ di traghettamento privato “Caronte%Tourist” indetto dal sindacato autonomo Fima Fast-Confs.Al. Le navi hanno caricato gli autoveicoli ‘a singhiozzo’, creando code agli imbarchi, sia a Messina sia a Villa San Giovanni. Lo sciopero e’ scattato alle 7.15 e si concludera’ alla stessa ora di domani. Tensioni tra i lavoratori in sciopero e i marittimi che invece garantiscono i servizi sulla “Westfold” e sulla “Zncle”, tanto che e’ dovuta intervenire la Guardia costiera. L’astensione dal lavoro dei marittimi era stata proclamata dopo il fallimento della trattativa tra azienda e sindacati sull’ipotesi della societa’ armatoriale di ridurre il personale a bordo da 18 a 15 unita’ e di decurtare gli stipendi del 20%. La “Caronte&Tourist” motiva il taglio del costo del lavoro con la riduzione dei ricavi dovuti al costante calo di traffico sullo Stretto di Messina.