Bernardette Grasso, ” UNA CAMPAGNA ELETTORALE ESALTANTE”

ROCCA DI CAPRI LEONE (ME) –Siamo alle ultime battute. Sono le ultime ore di una campagna elettorale che ritengo esaltante e toccante. In queste settimane ho incontrato uomini, donne e giovani che rischiano di perdere la fiducia nella Politica. Discutere e comprendere il loro disagio, strappare ancora la loro fiducia sul futuro mi rende orgogliosa anche se mi carica di responsabilità perché so di non poter sbagliare nulla, per non deluderli.
Ho messo tutta me stessa in una battaglia in cui credo: quella di diventare la portavoce alla Regione di un intero territorio con i suoi problemi e le sue legittime aspettative.
Adesso è il momento della scelta. Non si tratta di decidere su un partito, una protesta, una promessa.
E’ il momento di scegliere tra chi si è battuta, in questi anni per difendere il diritto alla mobilità, il diritto alla salute,il diritto al lavoro dignitoso, il diritto ai servizi pubblici, il diritto a difendere un territorio martoriato dal dissesto e chi le scelte le avallate o addirittura votate. Mi presento agli elettori potendo parlare di quello che ho fatto negli anni da amministratrice. Mi presento a differenza di altri, bravi nelle passerelle pre-elettorali , che si distinguono per quello che invece non hanno fatto e che oggi dicono “farò”( eppure le possibilità le hanno avute e le hanno tutte sprecate).
Oggi bisogna scegliere tra chi sente la Politica come un servizio alla sua gente e chi invece cerca una carriera politica.
Ho parlato a tutti con il cuore e con il cuore chiedo a tutti di sostenermi. Ho detto più volte che non chiedo un voto ma un sostegno per un progetto che possa dare sviluppo ed occupazione a questa provincia. Le idee che ho portato avanti (penso soprattutto all’ospitalità diffusa, i collegamenti e la ripresa dei lavori pubblici) uniti al programma di Gianfranco Miccichè per la sburocratizzazione, possono aiutarci.
Oggi si chiude una esaltante avventura. Se mi sarete a fianco e vorrete onorarmi di rappresentarvi all’Ars, se ne aprirà un’altra: più faticosa e difficile ma senza dubbio più importante per continuare ad avere fiducia nel nostro futuro ed in quello dei nostri giovani.

Bernardette Grasso