Tanta neve fresca sui monti siciliani, grandi accumuli fra Madonie e Nebrodi

FLORESTA (ME) -A Floresta, nel comune più alto della Sicilia, lo spessore del manto nevoso ha superato i 40 cm. Bella imbiancata anche ad Ucria, sempre sui Nebrodi. La spessa coltre di neve fresca accumulata ha determinato molte difficoltà al transito su diverse arterie montane, al di sopra dei 1000 metri di altezza. In alcuni punti persino i mezzi dell’ANAS hanno avuto molte difficoltà a liberare le varie arterie. Al momento si transita solo con catene montate sulla 185 nei pressi di Novara di Sicilia, sulla statale 116 tra i Comuni di Floresta e Randazzo sempre nel messinese, e sulla statale 284 tra Randazzo e Bronte. Si transita con catene montate anche sulla statale 290 delle Petralie. Ghiaccio e neve sulla strada provinciale per Piano Battaglia e sulle arterie che conducono sull’Etna. In tutti questi tratti si raccomanda la massima prudenza, visto la formazione di ghiaccio durante le ore notturne, a causa delle gelate che avvolgeranno le cime (freddo d’avvezione). Obblìgo dì catene su tutte le altre arterìe della provìncìa dì Enna. La polìzìa stradale raccomanda dì non percorrere arterìe secondarìe che potrebbero essere bloccate. Nella giornata di ieri, grazie ad alcuni sconfinamenti, la neve ha fatto la sua comparsa pure su quasi tutte le alture dell’ennese e del nisseno. Fiocchi di neve, per lo più a carattere coreografico, si sono visti pure a Caltanissetta e sui paesi limitrofi, senza però lasciare depositi degni di nota al suolo. Nei prossimi giorni, nonostante un graduale rialzo dei valori termici, buona parte del manto nevoso appena depositato, tra Madonie e Nebrodi, dovrebbe resistere molto bene per le prossime settimane, anche grazie alle gelate di queste ore che contribuiranno a fare ghiacciare la neve.