Il Sindaco di Tusa chiede al Prefetto di abbattere i cinghiali per l’ incolumità dei cittadini

TUSA(ME)-I cinghiali possono essere pericolosi e il sindaco di Tusa, per salvaguardare l’incolumità dei propri cittadini, intende chiedere al Prefetto di Messina, Stefano Trotta, l’autorizzazione per procedere all’abbattimento per fermare il ripopolamento . “Queste bestie stanno diventando una vera e propria minaccia all’incolumità sociale e dobbiamo considerala un’emergenza”. Il sindaco di Tusa, Angelo Tudisca, ritiene che i capi abbattuti possano essere depositati al macello comunale per poi trovare opportuna soluzione al loro smaltimento. La presa di posizione del sindaco Tudisca fa seguito a gravi episodi verificatosi negli ultimi tempi. Ma la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato il ferimento di allevatore 25enne aggredito da un cinghiale nei boschi dei Nebrodi, ora ricoverato in ospedale.CX Il giovane allevatore è stato inseguito e aggredito dalla bestia ed ha potuto salvarsi soltanto grazie ai pastori che lo hanno difeso e soccorso nelle fasi dell’aggressione e successive. Un provvedimento di legge di simile portata fu preso negli anni ’90 in seguito alla guerra di mafia che vide scontrarsi in maniera cruenta le cosche che si contendevano il territorio, il potere e gli affari nell’area dei Nebrodi, in seguito alla quale ebbe il suo avvio una controffensiva di legalità ed istituzionale che portò alla nascita dell’Acio. In quell’epoca non lontana furono complessivamente 50 i morti e venne condotta dalle forze dell’ordine un’azione di controllo sul proliferare incontrollato dei cinghiali nell’area boschiva dei Nebrodi.