Tempesta di vento su Messina, alberi abbattuti e tetti scoperchiati

– A Brolo,  il vento ha raggiunto i 115 km/h.

-MESSINA – La quiete dopo la tempesta. E’ davvero il caso di dirlo ed a farne le spese è nuovamente la città dello Stretto che, stanotte, come da previsione, è stata flagellata da una burrasca di Maestrale e Ponente che ha raggiunto i 100 km/h. Il vento in città ha fatto crollare alberi, scoperchiare tetti, abbattuto cartelloni pubblicitari e piegato pali semaforici. Al momento non si segnalano danni a persone. E’ stata una vera “notte da lupi”, quella appena trascorsa, e si comincia a fare la conta dei danni in città. La tempesta proveniente da Nord/Nord-ovest, per fortuna adesso si è placata ed a Messina c’è una giornata di sole, con una temperatura che si aggira intorno ai 9 gradi. La località in cui si è registrata la massima raffica di vento è stata Brolo, dove il vento ha raggiunto i 115 km/h. In città la terribile maestralata ha fatto davvero paura. In via Legnano un ponteggio per la manutenzione di un edificio si è pericolosamente piegato e rischiava di crollare sulle auto in sosta. Alcuni cittadini hanno avvisato i vigili del fuoco che sono intervenuti con un’autogru e lo hanno rimesso in sicurezza.images (1) A Camaro e villaggio Aldisio, alcuni tetti di baracche sono stati scoperchiati, ma per gli occupanti per fortuna non si registra alcun problema. Diversi alberi -e qui si ripropone il problema della potatura e controllo delle piante malate- sono stramazzati al suolo in via Catania, a piazza XX Settembre ed in altre zone cittadine. Il forte vento ha bloccato i collegamenti da e per le isole Eolie e stamane sono partite le prime verifiche per controllare se la furia dei marosi abbia provocato danni alle strutture portuali ed agli approdi delle “sette sorelle”. Nelle prossime ore è prevista una sensibile diminuizione della temperatura e piogge sparse.