La Ventura SPA riammessa dal Consiglio di Stato all’Expo 2015 di Milano

FURNARI(ME) –La Terza sezione del Consiglio di Stato ha accolto il ricorso presentato dall’impresa di Furnari, Ventura S.p.A., rappresentata e difesa dagli avv. Franco Gaetano Scoca e Marco Feroci, contro l’esclusione dell’appalto per l’Expo 2015 di Milano, riformando l’ordinanza cautelare del Tar della Lombardia, emessa l’8 gennaio 2013, con cui era stato bloccato l’affidamento dello stesso appalto per esposizione universale 2015 a causa delle presunte infiltrazioni mafiose nella gestione dell’impresa. Nell’udienza del 31 maggio 2013 il relatore Lydia Ada Orsola Spiezia ha considerato come il quadro indiziario su cui si fondava il provvedimento antimafia del Tar della Lombardia, merita maggiori approfondimenti con riferimento alla tipologia dei reati per i quali sono stati condannati i soci e gli amministratori della società Ventura Spa ed all’epoca risalente della condotta delittuosa.

http://www.youtube.com/watch?v=9VbfJgyHB6g&feature=youtu.be

Il procedimento è stato quindi inviato al Tribunale Amministrativo della Lombardia, per una nuova trattazione della causa nel merito, disponendo nuovi approfondimenti istruttori sull’attività imprenditoriale della Ventura Spa nel suo complesso, nonché, tra l’altro, anche sulle ragioni per cui nella società consortile, costituita nel dicembre 2012, non sono presenti anche le altre imprese mandanti dell’ATI a cui partecipa l’impresa di Furnari. Alla Camera di Consiglio sono intervenuti il presidente Gianpiero Paolo Cirillo, Bruno Rosario Polito, Angelica Dell’Utri, Lydia Ada Orsola Spiezia e Pierfrancesco Ungari.