Barcellona. Soldi in cambio dell’assunzione alle Poste: un arresto

BARCELLONA P.G. (ME) –Millanta la possibilità di garantire un posto sicuro alla Posta, in cambio di 3 mila euro, ma viene arrestata degli agenti della Guardia di Finanza con l’accusa di truffa aggravata. E’ la vicenda che ha visto protagonista la trentottenne, Rosalia Benvegna, pseudo-mediatrice finanziaria e broker assicuratrice, che aveva promesso a diverse persone il superamento della selezione pubblica per lavorare alle Poste.

Le indagini, avviate dalla Guardia di finanza della Tenenza di Barcellona Pozzo di Gotto e coordinate dalla Procura di Barcellona, si sono concluse con l’emissione di un ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, che è stata notificata alle donna, accusata di aver intascato soldi con una tariffa che si aggirerebbe tra i 2 e i 3 mila euro a persona, per il miraggio di un lavoro sicuro dietro uno sportello degli uffici postali.