Sicilia – Saranno cancellati 200 Comuni, nasceranno tre aree metropolitane

Palermo, Messina e Catania assorbiranno i paesi limitrofi

PALERMO – Il Progetto delle  aree metropolitane in Sicilia, Palermo,  Messina e Catania, potrebbero diventare presto una realtà. Parallelamente all’abolizione delle province, le tre città accorperanno i comuni limitrofi al di sotto dei 5.000 abitanti. Saranno cancellate circa 200 amministrazioni, che diventeranno municipi. Gli  altri enti locali si aggregheranno tra loro creando almeno tre liberi consorzi, le nuove province, come previsto nell’ambito della riforma delle autonomie locali, volta a centrare gli obiettivi della spending review. Un taglio necessario, si parla tanto di riforma delle autonomie locali e per adesso ci sono all’opera esperti, dirigenti e funzionari regionali dell’assessorato regionale guidato da Patrizia Valenti . Si vorrebbero trovare soluzioni possibili e proposte percorribili affinché si dia operatività il prossimo 31 dicembre con la nuova legge. Per adesso sono proposte che il Governo Crocetta ha fornito ai capigruppo dei partiti in Assemblea regionale in modo da accelerare l’iter e definire funzioni e norme transitorie dei nuovi consorzi Polemiche e malumori si sono già scatenati alla vista della bozza. Nell’ipotesi di aggregazione dei comuni che confluiranno nelle aree metropolitane si procederà, più o meno come si fa a Roma. Quelli che erano prima Comuni diventeranno Municipi, mentre gli altri enti locali si aggregheranno tra loro creando appunto i liberi consorzi, quelle che saranno le nuove Province. I vertici di Anci Sicilia parlano  di “follia, di rischio di andare troppo avanti e di generare confusione”.

Be the first to comment on "Sicilia – Saranno cancellati 200 Comuni, nasceranno tre aree metropolitane"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.