Il sindaco di Sant’Angelo di Brolo denuncia: “assenteismo dipendenti comunali è truffa”

SANT’ANGELO DI BROLO (ME) – Parole pesanti quelle pronunciate  del sindaco di Sant’Angelo di Brolo, contro alcunii dipendenti comunali. Il primo cittadino Basilio Caruso non le manda davvero a dire ai cosiddetti “assenteisti” del Comune, come si evince dalle dichiarazioni pubblicate da AMNotizie.it. Caruso sottolinea come siano oltre 900 i giorni di permesso presi dagli 85 dipendenti (a tempo determinato, indeterminato ed Lsu), ed entro fine anno potrebbero arrivare a 1700 giorni.

Certo, il sindaco afferma che non si può “sparare nel mucchio“, e che ci sono dipendenti onesti che si ammalano realmente, o addirittura che rinunciano ai benefici e si presentano comunque a lavoro. E “per fortuna”, afferma, sono la maggioranza. Ci sono però dipendenti che escono “liberamente anche nelle fasce di reperibilità e qualcuno mentre è in malattia svolge un altro lavoro, inspiegabilmente quando ci sono le visite fiscali sono sempre presenti al loro domicilio“. Basilio Caruso quindi ipotizza un sistema di connivenze tra dipendenti comunali, medici e dipendenti Asp, con i primi che sarebbero informati per tempo delle visite fiscali.

Be the first to comment on "Il sindaco di Sant’Angelo di Brolo denuncia: “assenteismo dipendenti comunali è truffa”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.