Sanità siciliana allo sbando, tra annunci e assenza di programmazione

“Il tema della assicurazioni sanitarie poco efficaci e molto costose e` solo uno degli aspetti fortemente deficitari del sistema sanitario a guida Lucia Borsellino”. Ad affermarlo è Bernardette Grasso, vicepresidente del Gruppo Grande Sud-Pid Cantiere popolare all`ARS. “Rispetto alle assicurazioni sanitarie già in passato il mio partito aveva sollevato enormi perplessità- spiega la parlamentare regionale- come mai il grave problema, da parte del Governo Regionale, viene solo adesso preso mediaticamente in considerazione, con conferenze stampa ad effetto?” “ E’ evidente che la sanità siciliana è allo sfacelo- aggiunge la Grasso- e nonostante le numerose e serie proposte formulate dal consiglio di sorveglianza sulla riorganizzazione del 118, non si comprende perchè l’assessore ancora cincischi nel presentarle in giunta. Da un anno a questa parte, ormai, denuncio sprechi e sperperi relativi non solo al tema della rete ospedaliera ma anche a quello l’emergenza con il servizio del 118”. “Nonostante ciò, invece di vedere applicate finalmente soluzioni risolutive- dice ancora la parlamentare regionale- l’assessorato per la Salute risponde che sono allo studio delle soluzioni, fingendo di ignorare che (nelle more di provvedimenti sempre annunciati e mai realizzati) il malato purtroppo muore”. Il servizio della salute, il diritto alla salute e` il più importante di tutti. Non sono ammesse indecisioni o ritardi. Un solo esempio tra i tanti viene portato da Bernardette Grasso: la camera iperbarica dell’ospedale Umberto I di Siracusa, da qualche tempo non più accessibile per quei bambini affetti da gravi patologie che necessitano di tale apparecchiatura per potersi curare. “Cosa e` stato fatto? Nulla- conclude la deputata- il governo Crocetta e l`assessore Borsellino rispondano di questi disservizi e ci dicano in che modo e con quali tempi intendono procedere”.(Ufficio stampa , On. Bernardette Grasso

Be the first to comment on "Sanità siciliana allo sbando, tra annunci e assenza di programmazione"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.