E’ di Messina la famiglia più accogliente del 2013

La famiglia Vinci, dopo avere adottato un bimbo congolese, ha accolto nella propria casa un diciassettenne somalo sbarcato a Lampedusa.

-MESSINA – Caterina e Antonino Vinci, di Messina, sono per Amici dei Bambini (Aibi), ente che si occupa di adozioni e affidi, la famiglia più accogliente del 2013. La coppia, che aveva già adottato un bambino congolese, ha aderito all’appello dell’associazione ad accogliere i profughi minori della tragedia di Lampedusa e ha aperto le porte di casa a Haamid, un diciassettenne somalo. “Dopo la tragedia di Lampedusa – spiega Antonino Vinci – abbiamo sentito la necessità di impegnarci in prima persona. E senza troppo riflettere abbiamo dato la nostra disponibilità ad Aibi in Sicilia. Ma non avevamo bene in mente in cosa potesse tradursi il nostro impegno”. Quando è partito il progetto di affido dei minori stranieri non accompagnati, grazie all’accordo con il Comune di Lampedusa e Messina, i Vinci – 34 anni lui, 30 lei – hanno chiesto di accogliere un bambino che non avesse più di otto anni. “Ma con il trascorrere dei giorni, ci siamo resi conto che quel paletto non aveva senso. E così ci siamo semplicemente fidati dell’associazione e abbiamo aperto le porte ad Haamid. Diciassette anni e una storia difficile alle spalle”.  E’ il maggiore di cinque fratelli. In casa nessuno ha un lavoro fisso e lui sa che cercare un lavoro è il suo primo dovere. Anche se fin dal primo giorno ha chiesto ai suoi ospiti di poter studiare: ha voglia di imparare l’italiano. “Il più grande atto di giustizia che una persona possa compiere nella sua vita – commenta Marco Griffini, presidente di Aibi – è accogliere un minore in difficoltà. Questi giovani così innamorati hanno adottato un bimbo e con slancio si sono imbarcati in un nuovo progetto di accoglienza. Sono l’Italia migliore, quella che l’integrazione interculturale e interetnica la fa senza proclami, giorno per giorno, dentro casa”. Alla famiglia sarà inviata come omaggio un’icona in lamina d’oro realizzata a mano dalla suore Benedettine del monastero Mater Ecclesiae di San Giulio, isola circondata dalle acque del lago d’Orta (Novara).

Be the first to comment on "E’ di Messina la famiglia più accogliente del 2013"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.