A18 Messina-Catania in pessime condizioni. Salvo Pogliese (FI): “Il Governo regionale intervenga”

MESSINA – “Le non ottimali condizioni del manto stradale dell’A18 – spiega il vicepresidente dell’Ars – cui si aggiungono segnali stradali consunti dal tempo, tali da risultare difficilmente leggibili, gallerie non illuminate e l’incontrollata crescita della vegetazione ai margini dell’autostrada e nello spartitraffico centrale, costituiscono un pessimo biglietto da visita che la Sicilia offre ai turisti che percorrono l’arteria per visitare le meraviglie del nostro territorio e un grave disagio per i siciliani”

Comunicato Stampa

“Le condizioni in cui versa l’autostrada A18 Messina – Catania non sono adeguate all’importanza di un’arteria stradale fondamentale, collegante due delle principali città siciliane, e che attraversa luoghi dal fortissimo richiamo turistico.”Lo dichiara l’on. Salvo Pogliese, vicepresidente dell’Assemblea regionale siciliana, raccogliendo la pubblica denuncia di Concetto Bellia presidente del Gal Terre dell’Etna e dell’Alcantara. “Le non ottimali condizioni del manto stradale dell’A18 – spiega il vicepresidente dell’Ars – cui si aggiungono segnali stradali consunti dal tempo, tali da risultare difficilmente leggibili, gallerie non illuminate e l’incontrollata crescita della vegetazione ai margini dell’autostrada e nello spartitraffico centrale, costituiscono un pessimo biglietto da visita che la Sicilia offre ai turisti che percorrono l’arteria per visitare le meraviglie del nostro territorio e un grave disagio per i siciliani. “. “Ho presentato un’interrogazione parlamentare – dichiara Pogliese – per chiedere al Governo regionale un pronto intervento sul Consorzio di gestione dell’A18 affinché si ripristino le ottimali condizioni dell’importante arteria stradale.”.

Be the first to comment on "A18 Messina-Catania in pessime condizioni. Salvo Pogliese (FI): “Il Governo regionale intervenga”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.