Torrenova – Vita dura per gli automobilisiti sulla statale 113, arriva l’autovelox

TORRENOVA (ME) – Da ieri  mattina per chi cammina sulla statale 113 nel tratto Rocca di C. – Torrenova in , bisognerà fare attenzione all’acceleratore. Se si supereranno i  50 chilometri all’ora all’altezza della  località Piattaforma  nella città delle Torri, grazie al nuovo autovelox fisso appena installato arriverà una multa pesantissima. Ad annunciarlo è il sindaco di Torrenova  con una nota su facebook come segue : Si avvisa la cittadinanza e tutti gli utenti della strada che a decorrere dal 12 maggio 2014 in località Piattaforma sarà attivo l’autovelox modello 104E. Questo tipo di apparecchio moderno e funzionale al servizio della polizia stradale promosso dal comune di Torrenova e dalla Polizia Locale sicuramente sarà foriero di benefici, soprattutto per quanto attiene a quella sinistrosità delle strade locali interessate, a cui siamo costretti ad assistere giornalmente e rendere più sicura e vivibili lanostra cittadina. Gli autovelox svolgono una funzione preventiva e deterrente per la velocità che è la prima responsabile degli incidenti stradali, poichè la collocazione degli stessi corrisponde ad effettive esigenze di sicurezza, di prevenzione degli eccessi di velocità e diingiusta sanzione a chi infrange i limit consentiti. Questro strumento non deve essere considerato come una vessazione istituzionalizzata, ma deve essere visto in un contesto nuovo di collaborazione tra la polizia locale ed il cittadino e , soprattutto, di servizio a favore dell’utenza e non di semplice epura repressione o interesse economico per il comune. Infatti, l’ art208 del DL 30 Aprile 1992 n 285, nel testo vigente dopo le modifiche apportate dalla legge 120/2010, con l’art 25 sono stati introdotti nuovi commi all’art 142 del C.d.S che definiscono, in modo univoco, la destinazione dei proventi contravvenzionali derivanti dalle sanzioni amministrative. Nel caso di specie le somme derivanti da tali sanzioni sono destinati soltanto ed esclusivamente alla realizzazione di interventi di manutenzione e messa in sicurezza delle infrastrutture stradali, ivi compresa la segnaletica ,le barriere e dei relativi impianti,nonchè al potenziamento delle attività di controllo e di accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale. Pertanto le somme( come si evince dalla sopracitata legge) sono vincolate e non possono essere distratte dalle finalità anzidette. Si comunica , altresi, che l’ente locale trasmette in via informatica al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ed al Ministero dell’interno, entro il 31 maggio di ogni anno, una relazione in cui sono indicati, con riferimento all’anno precedente, l’ammontare complessivo dei proventi di propria spettanza di cui al comma 1 dell’art 208, come risultante da rendiconto approvato del medesimo anno, e gli interventi realizzati a valere su tali risorse, con la specificazione degli oneri sostenuti per ciascun intervento.. La percentuale dei proventi spettanti ai sensi del comma 12bis è ridotta del 30% annuo nei confronti dell’ente che non trasmette la relazione di cui al periodo precedente, ovvero che utilizzi i predetti proventi in modo difforme da quanto previsto dal comma 4 dell’art 208 e dal comma 12-ter del presente articolo, per ciascun anno per il quale si è riscontrata una delle predette inadempienze. Il rispetto delle regole e dei limiti di velocità è fondamentale e doveroso anche senza la presenza degli autovelox. 
  Con circa 4 mila mezzi al giorno in transito si farebbe una strage di patenti. Stamattina la prova del fuoco con il primo giorno lavorativo.

Be the first to comment on "Torrenova – Vita dura per gli automobilisiti sulla statale 113, arriva l’autovelox"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.