L’Etna s’è desta: nuova eruzione e voli dirottati

TAORMINA (ME) –  Una nottata letteralmente “di fuoco” quella appena passata per il vulcano Etna, che si è risvegliato proprio in questi ultimi giorni dopo un mese in cui si è registrata una debole attività stromboliana. Nelle ultime ore, grandi esplosioni hanno interessato maggiormente il nuovo cratere di sud est, visibile da Catania, con una colata lavica lunga alcuni km diretta verso la Valle del Bove, zona desertica lontana dai centri abitati. Uno spettacolo come pochi al mondo, capace di attirare ogni volta curiosi e appassionati pronti a immortalare i potenti getti di lava del vulcano.

Sebbene l’eruzione sia rimasta confinata alla parte sommitale dell’Etna, la sua forza è stata tale da far risuonare boati e far arrivare lapilli e cenere alle popolazioni immediatamente vicine. Inoltre, nella giornata di ieri, il risveglio del vulcano e le improvvise pesanti piogge pomeridiane hanno fatto si che due spazi aerei dell’aeroporto catanese di Fontanarossa venissero chiusi e ben 8 voli, provenienti da Roma Fiumicino, Parigi, Istanbul, Venezia, Milano Linate, Colonia e Barcellona, venissero dirottati presso lo scalo palermitano “Falcone-Borsellino”. Trinacrianews24

Be the first to comment on "L’Etna s’è desta: nuova eruzione e voli dirottati"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.