Mazzará Sant’Andrea – Infiltrazioni mafiose e rischi ambientali: sequestrata discarica

MAZZARÀ SANT’ANDREA (ME) – Posti i sigilli alla discarica di Mazzarà Sant’Andrea gestita da TirrenoAmbiente dopo le richieste del sindaco di Furnari e dell’on. Sonia Alfano oltre che per i rischi ambientali anche perchè la commissione antimafia ipotizza possibili infiltrazioni mafiose nella gestione dell’area.
Del sequestro di stanno occupando i Carabinieri di Messina, in collaborazione con la squadra di Barcellona Pozzo di Gotto. L’area in questione è totalmente occupata da una vera e propria montagna di rifiuti con la presenza di un fiume di percolato.
Il sindaco di Furnani Mario Foti aveva sottolineato e descritto l’nsostenibilità della presenza della discarica, peraltro abusiva, in una nota inviata alla Prefettura, alla Questura, dal Commissariato di polizia ai carabinieri di Barcellona, dalla Provincia alla Forestale, dalla Guardia di finanza al Comune di Mazzarrà Sant’Andrea, dalla Regione al Genio civile, alla Procura, la Regione e la Commissione parlamentare antimafia.

La fuoriuscita di percolato cola lungo le pareti della montagna, con gravi danni ambientali alle falde del torrente e al sottosuolo che si ripercuoterebbero sui pozzi di approvvigionamento idrico.(BLOGSICILIA)

Be the first to comment on "Mazzará Sant’Andrea – Infiltrazioni mafiose e rischi ambientali: sequestrata discarica"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.