Milazzo – Segregate per mesi in un appartamento lager, finisce l’incubo per due sorelle ultranovantenni

Scoperto dai Carabinieri del Nucleo operativo di Milazzo appartamento lager per due anziane sorelle di 91 e 97 anni, il loro “sorvegliante” è accusato di violenze, minacce e sequestro di persona nei loro confronti

MILAZZO (ME) -I Carabinieri agli ordini del Tenente Cristian Letizia, in esecuzione di un’Ordinanza emessa dal Gip del Tribunale di Barcellona P.G., su richiesta della Procura di Barcellona, hanno sottoposto un 68enne di Milazzo alla misura cautelare personale del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalle persone offese.Due sorelle di 91 e 97 anni, gravemente malate e non autosufficienti, sarebbero state costrette a subire umiliazioni, maltrattamenti e percosse da un uomo di 68 anni, suocero di una delle due donne e che secondo i carabinieri sarebbe stato il loro “carceriere”. Le due anziane erano segregate in un appartamento, nel centro di Milazzo , definito “un piccolo lager” dagli investigatori che tenevano da tempo sotto controllo l’abitazione. All’uomo è stato notificata una misura cautelare col divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalle persone offese. Per i carabinieri sarebbe emerso “un quadro di rara malvagità e violenza”. L’indagato, soprattutto quando provvedeva all’igiene e all’alimentazione delle due donne, si sarebbe accanito su di loro con violenza urlando, minacciandole più volte di morte, percuotendole con schiaffi e umiliandole. I carabinieri hanno fatto irruzione nell’appartamento mentre l’indagato si trovava all’interno e su disposizione dell’autorità giudiziaria lo hanno sottoposto alla misura cautelare del divieto di avvicinamento. Assieme ai carabinieri sono intervenuti anche i medici del 118 che hanno soccorso le due anziane donne, accertando che, nonostante il pessimo stato di salute, non sono in pericolo di vita.

Be the first to comment on "Milazzo – Segregate per mesi in un appartamento lager, finisce l’incubo per due sorelle ultranovantenni"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.