Messina – Violenze, soprusi e sequestri nel cuore della città

Fine di un incubo per una donna

MESSINA – (Fonte Normanno) -Una storia di soprusi e paura. L’ennesima vicenda di violenza che ieri mattina è venuta a galla. Dopo una delle tante liti con il compagno, nella centralissima via Catania, una donna è stato rinchiusa in casa a doppia mandata, insieme al figlioletto di tre anni, dall’uomo con il quale viveva. Lui, 31 anni, si è portato via le chiavi e il telefonino di lei, non senza prometterle prima – a detta degli agenti che l’hanno soccorsa – che al ritorno l’avrebbe pagata. Sono state le urla disperate della vittima a dare l’allarme e rendere possibile l’intervento dei poliziotti delle Volanti. Ai poliziotti, ha raccontato di subire da anni angherie e soprusi da parte del compagno che la minacciava e picchiava anche durante la gravidanza. Lei non lo ha mai denuncito per paura. Nel ripostiglio della casa, nascosto nella manica di un giubbotto, i poliziotti hanno trovato un fucile a canne mozze con relativo munizionamento, perfettamente funzionante, modificato e con matricola abrasa. Il 31enne è stato arrestato per i reati di violenza privata, minacce, alterazione di armi e armi clandestine e traferito al carcere di Gazzi.

Be the first to comment on "Messina – Violenze, soprusi e sequestri nel cuore della città"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.