Gioiosa Marea – Insultò poliziotti su Facebook. Accusato per diffamazione

La Corte di Cassazione ha recentemente stabilito, infatti, che postare un commento offensivo su un qualsiasi social network “aggrava” il reato di diffamazione a mezzo stampa in quanto significa dare al proprio messaggio una diffusione che potenzialmente dà la possibilità di raggiungere un numero indeterminato di persone

GIOIOSA MAREA (ME) – E’ accusato di diffamazione a mezzo stampa un quarantunenne di Gioiosa Marea. Secondo l’accusa l’uomo avrebbe scritto su Facebook frasi offensive nei confronti di due poliziotti che, all’epoca dei fatti, prestavano servizio a Patti. L’uomo, in base alla denuncia, avrebbe rivolto ai due poliziotti, messaggi ingiuriosi e minacciosi sia attraverso la posta privata di Facebook, sia sulle loro bacheche pubbliche. In alcune circostanze, da quanto si evince dalla denuncia presentata dai due militari, l’uomo avrebbe anche utilizzato un profilo falso. I due hanno fornito un’accurata documentazione, e  il pubblico ministero, Rosanna Casabona, ha firmato il decreto di citazione in giudizio davanti al Tribunale di Patti in composizione monocratica. Al giovane viene contestata l’aggravante di aver utilizzato Facebook. La Corte di Cassazione ha recentemente stabilito, infatti, che postare un commento offensivo su un qualsiasi social network “aggrava” il reato di diffamazione a mezzo stampa in quanto significa dare al proprio messaggio una diffusione che potenzialmente dà la possibilità di raggiungere un numero indeterminato di persone.

Be the first to comment on "Gioiosa Marea – Insultò poliziotti su Facebook. Accusato per diffamazione"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.