Messina esclusa dal Master Plan per il Sud del Governo, l’ira di Accorinti e Garofalo

Governo stanzia oltre 110 miliardi per il Sud ma dimentica Messina. E il Ponte

1

MESSINA – Non c’è Messina tra le città che usufruiranno del piano straordinario per il Mezzogiorno che sta per essere varato dal Governo Renzi. Una decisione che lascia di stucco il sindaco Renato Accorinti, che tramite una nota esprime “sconcerto per l’assoluta mancanza di attenzione nei confronti delle necessità della nostra Città, tagliata fuori inopinatamente dai progetti e dagli investimenti assolutamente necessari per questo territorio”. Accorinti lancia un invito a tutta la deputazione nazionale messinese a intervenire presso il Governo. “Si rischia di dare un altro duro colpo alla fragilità strutturale ed economica che scontiamo pesantemente da decenni – continua il sindaco -. Il Governo compie un grave errore, tecnico ed istituzionale, a cui dovrà porre rimedio. Abbiamo da tempo presentato progetti che attendevano proprio l’occasione del Master Plan per potere avviare la messa in cantiere. Questa assurda decisione, incomprensibile per le scelte fatte – conclude -, non deve essere consentita”. Sulla stessa lunghezza d’onda del sindaco il deputato nazionale, Enzo Garofalo, che parla di “grave dimenticanza del Governo, cui porre immediatamente rimedio”. “Escludere Messina dal Master Plan – afferma l’esponente di Ncd –  sarebbe incoerente con un piano infrastrutturale per il meridione che, puntando al rilancio dell’intera area, non può non tenere conto di una città strategica nel bacino del Mediterraneo”.

Be the first to comment on "Messina esclusa dal Master Plan per il Sud del Governo, l’ira di Accorinti e Garofalo"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.