Catania: padre uccide il figlio maggiore, mentre il figlio minore è riuscito a fuggire ma ferito

La drammatica vicenda familiare, accade proprio ieri poco dopo il pranzo della domenica, nella cittadina di Grammichele.

Il protagonista è un marito violento e un padre padrone. Saverio Ansaldi, pensionato di 77 anni, era intento ad aggredire la moglie. Ma il figlio maggiore si ribellò, tentanto di difendere l’anziana madre. Questo gesto di ”ribellione” scatenò l’ira del pensionato, impugnò un coltello e si scagliò contro il figlio maggiore della coppia, Graziano Ansaldi di 46 anni, carpentiere, che dopo le ripetute coltellate ricevute fuggì in strada alla ricerca di soccorso, ma morì dopo dopo per una copiosa perdita di sangue. Poi si scagliò contro il figlio minore, Aurelio Ansaldi di 43 anni, disoccupato. Nel frattempo le urla allarmarono i vicini e i passanti che chiamarono l’autoambulanza e i Carabinieri. Nel frattempo il padre si era scagliato contro il secondo figlio, ma riuscì a salvarsi poiché fu trasferito all’ospedale di Caltagirone.

L’uomo, non appena sentì le sirene, salì in sella allo scooter, ma fu bloccato e portato in caserma. Ammise che stava andando a costituirsi, che dopo pranzo scoppiò una lite e che fu lui l’autore dell’aggressione avvenuta contro i due figli. L’aggressore fu prima scortato in ospedale per le ferite che riportava, (segni di una tentata difesa da parte dei due figli), e successivamente fu trasferito in carcere. 

Be the first to comment on "Catania: padre uccide il figlio maggiore, mentre il figlio minore è riuscito a fuggire ma ferito"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.