L’incontro tra i sindaci dei Nebrodi e ASP Messina non ha fornito segnali di rilievo.

MESSINA – Incontro interlocutorio quello che si è svolto presso la sede dell’ASP di Messina alla presenza del Direttore Generale Dott. Paolo La Paglia, del Direttore Sanitario Dott. Bernardo Alagna, del Dott. Crisicelli, Commissario emergenza Covid, e del Dott. Giallanza responsabile Presidi Ospedalieri Riuniti Sant’Agata di  Militello e Mistretta, e i Sindaci di Sant’Agata di Militello, Brino Mancuso, Torrenova, Salvatore Castrovinci, Pettineo, Domenico Ruffino, Angelo Tudisca, Presidente del Comitato di Sindaci D29 e del Vice Sindaco del Comune di Acquedolci Dott. Salvatore Oriti. All’incontro era presente anche l’Assessore Regionale agli Enti Locale On. le Bernadette Grasso. Buona parte della riunione è stata incentrata, su specifica richiesta dei Sindaci del distretto D31, sulla questione della mappatura dei contagi e sulla necessità, ribadita da tutti, di velocizzare i tempi dei risultati dei tamponi. Il Dott. La Paglia ha riferito che l’ASP sta pensando di attivare un call center che si occupi di mantenere i contatti telefonici con i soggetti positivi sia per verificare lo stato di salute come pure per gestire i bisogni di chi si trova in isolamento, sgravando così le USCA. Sui ritardi nel processare i tamponi molecolari, i Sindaci presenti hanno insistito sull’attivazione dei laboratori preso i due presidi ospedalieri. Sul punto il Direttore Sanitario ha manifestato apertura e disponibilità. Al fine di alleggerire la pressione sul sistema ospedaliero, i Sindaci hanno richiesto espressamente la realizzazione di strutture destinate ad accogliere i soggetti positivi al Covid paucisintomatici, indicando sul territorio strutture esistenti che potrebbero essere utilizzate a tal fine. Per quanto riguarda le richieste di potenziamento dell’Ospedale di Mistretta e in particolare per quanto concerne il provvedimento di temporaneo utilizzo dei due chirurghi presso la struttura ospedaliera di Sant’Agata, il Dott. Alagna ha precisato che si è trattato di una emergenza e che la momentanea assegnazione non verrà prorogata e quindi dopo i dieci giorni i due medici faranno rientro presso l’Ospedale di Mistretta. Sulle altre questioni il direttore sanitario da poco nominato si riserva di dare risposte. In conclusione la delegazione dei Sindaci del Distretto D29 manifesta di non ritenersi soddisfatta dalle risposte solo interlocutorie e parziali ricevute e attende fatti concreti in tempi brevi, stante lo stato di emergenza. In caso contrario saranno intraprese altre e più vibrante iniziative.

Be the first to comment on "L’incontro tra i sindaci dei Nebrodi e ASP Messina non ha fornito segnali di rilievo."

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.