Il gruppo di opposizione Impegno, chiede le dimissioni dell’assessore al Bilancio Pellegrino

S. Stefano di Camastra (ME) – Con un accorato documento inviato al Presidente del Consiglio Comunale, ai  Consiglieri Comunali e per conoscenza al Sindaco e agli assessori comunali del Comune di S. Stefano di Camastra, il gruppo di opposizione Impegno ha voluto rendere pubblici certi atteggiamenti del gruppo di maggioranza, considerata la poca partecipazione di pubblico durante i civici consessi e la poca propensione alle dirette social degli stessi che potrebbero richiamare maggiore interesse verso la cosa pubblica. Soprattutto in questo particolare momento, a causa di questa pandemia in cui tanta gente vive momenti duri, duri per tutti tranne che per gli amministratori di Santo Stefano di Camastra i quali – si legge nella nota – nonostante le attività fortemente limitate all’emergenza sanitaria, hanno continuato senza ragione a dilatare i tempi per assolvere i propri compiti, ad utilizzare le risorse umane ed economiche in modo discutibile se non clientelare e a vessare il cittadino con una tassazione sempre più stringente. A fare andare su tutte le furie il gruppo di minoranza Impegno, l’episodio che si è registrato a fine ottobre, data che doveva vedere il bilancio di previsione pronto, quando i consiglieri di minoranza offrirono la piena disponibilità a disporre la stabilizzazione dei lavoratori ASU: da allora sono trascorsi oltre 50 giorni, nessuna convocazione, nessuna documentazione, nessuna voglia di condividere un’azione amministrativa seria. Adesso – continua il documento – si pretende (per l’ennesima volta) un atto politico e sapete di quale politica? Quella clientelare per la quale “faccio tutto io” e poi, con il ricatto di basso profilo, chiedo agli altri di rinunciare a conoscere e a comprendere. Questo si chiede, di discutere un bilancio letto in pochi giorni e in un periodo che per emergenza e festività non consente neanche di interloquire con gli uffici; in sostanza, ciò che l’amministrazione ha fatto in un anno, i consiglieri devono farlo in pochi giorni. Davvero singolare e potrebbe sembrare buona fede se non sapessimo noi e gli Stefanesi tutti che la buona fede non alberga nel “cuore” di chi nega la copia di atti, di chi convoca solo sulla base delle esigenze dalla propria parte politica, di chi promette e non mantiene, di chi non accoglie alcuna proposta e di chi esercita il potere dei numeri in maniera cieca. Tuttavia, convinti che il bene comune si esplichi anche nei momenti di difficoltà, attendiamo l’atto politico della “discontinuità” e della “nuova era”: se l’assessore Pellegrino è la voce di tutti voi e se veramente siete convinti che si possa iniziare un percorso nuovo, allora quale migliore atto delle sue dimissioni irrevocabili? Bisogna fare più che parlare! Nel merito del bilancio di previsione 2020 (di cui si chiede rinuncia all’esercizio dei termini di visione legandola alla stabilizzazione dei lavoratori ASU, motivazione tanto falsa quanto strumentale), il gruppo di minoranza Impegno, intende porre il proprio punto di vista sui dipendenti comunali e sanare alcune discrasie generate dalla politica, in considerazione dei pensionamenti passati e futuri che ci offrono la possibilità di ripensare alla politica sul personale dipendente. Una sfida del genere è possibile e fattibile se consideriamo i futuri pensionamenti ma anche le misure di risparmio della spesa pubblica, come la riduzione delle aree a tre e la organizzazione di servizi consorziati con i Comuni viciniori e il blocco delle assunzioni di categorie D. Ecco, queste ci sembrano misure che possano sostenere i lavoratori e dare dignità alle loro famiglie poiché riequilibrano la spesa e pongono le basi verso una soddisfazione professionale scevra da sudditanze politiche. La crisi attuale deve farci riflettere – conclude la nota – sulla nostra umanità e magari pensare come immorale percepire un’ indennità quando si ha già lo stipendio, pertanto agli amministratori il gruppo di minoranza Impegno  chiede di rinunciare alla loro indennità per concorrere alla stabilizzazione dignitosa dei lavoratori e riconoscere ai dipendenti il loro giusto ruolo: ma pensate veramente che in questo periodo Sindaco e assessori debbano percepire lo stipendio comunale quando le famiglie non sanno come arrivare a fine mese?

Be the first to comment on "Il gruppo di opposizione Impegno, chiede le dimissioni dell’assessore al Bilancio Pellegrino"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.