L’Italia festeggia per la conquista del suffragio universale

MESSINA – Il 2 Giugno è la festa del nostro paese, la festa degli italiani, il giorno che ricorda e celebra il primo suffragio universale e ogni anno il tricolore e le bandiere italiane sventolano da Nord a Sud. Pochi mesi prima del fatidico giorno delle votazioni, ovvero nel gennaio 1945, con un’Italia divisa con il Nord ancora occupato dai Nazisti, il consiglio dei Ministri presieduto da Bonomi, riconosce il voto alle donne. Finalmente anche in Italia c’è il suffragio universale. Tutti gli italiani sono chiamati ad esprimere la loro preferenza e decidere la forma istituzionale: Repubblica o Monarchia? Al referendum parteciparono il 90% degli aventi diritto. I risultati della votazione, però, vennero resi noti con estremo ritardo: passarono infatti ben 16 giorni prima che la Corte di Cassazione proclamasse ufficialmente la nascita della Repubblica Italiana così come la conosciamo oggi. La Festa della Repubblica, dunque, in realtà non si riferisce al giorno del passaggio ufficiale al sistema repubblicano, ma alla data in cui si tenne uno dei referendum più importanti della nostra storia. Nasceva così la Repubblica Italiana. E nel giorno del compleanno della nostra Repubblica tante sono le manifestazioni per vivere al meglio una giornata importante per la nostra storia. La prima celebrazione della Festa della Repubblica avvenne per la prima volta due anni dopo, nel 1948, e ad essa venne dedicata la giornata del 2 giugno fino al 1977, anno in cui avvenne un importante cambiamento. A causa della crisi economica, infatti, da quel momento si decise che la Festa della Repubblica sarebbe stata celebrata la prima domenica di giugno per non perdere un giorno lavorativo in festeggiamenti. Tuttavia, nel 2001, su impulso dell’allora Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, la ricorrenza nazionale ha abbandonato lo status di festa mobile, riassumendo la sua collocazione in un giorno simbolo come il 2 giugno. Anche quest’anno, così come successo anche lo scorso anno, l’emergenza sanitaria causata dall’epidemia di COVID-19 ha fortemente condizionato i protocolli tradizionali, cambiando, almeno per quest’anno, il volto della festa: niente sfilate davanti alla folla e cerimonie ridotte al minimo.

Be the first to comment on "L’Italia festeggia per la conquista del suffragio universale"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.