Un trionfo europeo che sa tanto di riscatto

Messina – Una delle notti magiche difficili da dimenticare, un sogno coltivato e costruito attorno ad un gruppo sapientemente armonizzato da un grande direttore d’orchestra come Roberto Mancini, che ha avuto il merito insieme al suo staff nella creazione di questa splendida realtà. Un progetto partito da zero e che via via ha avuto il pregio di fare tornare l’amore verso la maglia azzurra, una maglia tanto bistrattata ma mai valorizzata come meritava. Cosa che invece è riuscita a questo magnifico gruppo, che ha avuto il merito di aver brillato di luce propria, senza avere stelle di prima grandezza al suo interno. Un gruppo di uomini che ha sudato, faticato e lottato per valorizzare il lavoro portato avanti da tutti nel corso di questo cammino di preparazione fino al raggiungimento di questo prestigioso traguardo. Un risultato sportivo che acquisisce ancora più valore, considerato il periodo particolarmente difficile che abbiamo passato a causa della pandemia, e grazie a questo successo siamo riusciti tutti insieme a ricattarci con forza e coraggio, qualità che rappresentano l’emblema di questo nostro Paese, profondamente ferito e sconvolto dal Covid. Un Paese che pur dolorosamente colpito ha dimostrato con i fatti di sapersi rimettersi in moto. Quando mancavano pochi minuti alla mezzanotte e scoppiata la santabarbara con la gente che si è riversata in strada. In moto, in auto, a piedi, da soli e in gruppo, abbracciati, in lacrime e sorridenti. Tutto il popolo italiano ha fatto esplodere la loro gioia incontenibile in ogni città d’Italia, per un successo collettivo che l’intera nazione ha sognato. Ma con la certezza che presto torneremo a correre tutti insieme, perché c’è un campionato ancor più importante da vincere. Quello contro un vero nemico, il Covid 19. Per poi continuare a correre per ricostruire un’Italia più forte, più giusta, più bella. E se possibile, persino più buona. Ma per ora, godiamoci questo trionfo che ci ha portati a primeggiare sul tetto dell’Europa.

Be the first to comment on "Un trionfo europeo che sa tanto di riscatto"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.