Boeing Starliner: perché gli astronauti sono ancora nello spazio?

didascalia dell’immagine, Gli astronauti Suni Williams (a sinistra) e Butch Wilmore hanno trascorso otto giorni sulla stazione spaziale.

Due astronauti che stanno testando la nuova navicella spaziale Starliner della Boeing inizieranno a tornare sulla Terra mercoledì notte, ma rimarranno invece a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

Il ritorno della navicella sulla Terra è già stato ritardato a causa di problemi con alcuni propulsori della navicella e di perdite del gas elio che alimenta il sistema di propulsione.

La NASA sta conducendo una revisione ad alto livello delle questioni tecniche prima di decidere quando riportare a casa i suoi astronauti.

Suni Williams e Butch Willmore sono fuori pericolo, ma cosa è andato storto con la navetta e cosa significa questo per il loro viaggio verso casa?

Potresti anche essere interessato

Lo Starliner venne lanciato il 5 giugno nonostante una piccola perdita di gas elio. L’elio viene utilizzato per azionare i sistemi di propulsione utilizzati per le manovre nello spazio e il lento rientro nell’atmosfera terrestre.

Gli ingegneri ritenevano che la perdita fosse molto piccola e non avrebbe influenzato la missione, quindi procedettero con il lancio.

Ma durante la missione si sono verificate altre quattro perdite di elio e cinque dei suoi 28 propulsori di manovra sono stati interrotti durante l’avvicinamento alla stazione spaziale, quattro dei quali sono stati riavviati.

Si diceva che il lavoro sarebbe durato otto giorni, ma la data di ritorno è stata posticipata mentre gli ingegneri indagavano sui problemi.

La NASA aveva precedentemente affermato in un post sul blog che le perdite non rappresentavano un rischio per la sicurezza degli astronauti: “Una missione normale richiede solo sette ore di volo libero e Starliner attualmente ha abbastanza elio nei suoi serbatoi. Supporta 70 ore di volo libero dopo la disconnessione.

Ma pochi giorni dopo, a seguito di riunioni ad alto livello, la NASA ha deciso che il ritorno previsto dovesse essere “aggiustato” a una data a luglio. Non sono state fornite ulteriori informazioni sul motivo per cui la decisione è stata modificata.

La NASA ha detto che gli ingegneri di volo vogliono ispezionare la navicella spaziale per arrivare alla radice dei difetti prima che rientri nell’atmosfera terrestre. Questo perché quando la capsula dell’equipaggio si paracaduta a terra, il “modulo di servizio” sotto il rientro difettoso dello Starliner si brucia, il che significa che alcune informazioni su ciò che è andato storto vanno perse.

L’agenzia spaziale ha insistito sul fatto che gli astronauti non erano rimasti bloccati e che lo Starliner era certificato per tornare sulla Terra in caso di emergenza sulla ISS.

Cosa fare dopo è soggetto alla “revisione a livello di agenzia” di alto livello della NASA per decidere cosa fare dopo.

didascalia dell’immagine, I cinque propulsori di manovra dello Starliner si sono bloccati durante l’attracco con la ISS

La sequenza degli eventi solleva dubbi sul fatto se il lancio avrebbe dovuto procedere nonostante la fuga di notizie.

“Cercare di ottenere le cose troppo perfette richiede troppo tempo ed è troppo costoso e, di conseguenza, il sostegno pubblico e politico scompare”, ha affermato.

“Ma quello che sento è che non hanno tenuto abbastanza conto del fatto che la perdita sarebbe peggiorata dopo il lancio. Questo è ciò che probabilmente la NASA e la Boeing avrebbero dovuto fare.

Togliere il razzo dalla rampa di lancio e il sistema di propulsione dalla navicella sarebbe molto costoso.

Un altro problema per la revisione della NASA, secondo lo scienziato spaziale della Open University Dr. Simeon Barber, è il motivo per cui questi problemi non sono stati identificati nei due precedenti test di volo dello Starliner.

“I problemi che abbiamo riscontrato nelle ultime settimane non sono quelli che ci aspettavamo a questo punto del programma di sviluppo dello Starliner”, afferma.

“Il punto centrale di tutto ciò è testare cosa comporterà in termini di prestazioni mettere gli astronauti in orbita per controllare la navicella spaziale. Invece, sembra che abbiamo a che fare con questioni più fondamentali che ormai avrebbero dovuto essere risolte.

didascalia dell’immagine, Gli ingegneri hanno scoperto una piccola perdita di elio prima del lancio. Ora ce ne sono cinque.

Infine, per la NASA, c’è la questione critica di trovare la causa principale delle perdite di elio e dei problemi di propulsione. A meno che non lo facciano, dice il dottor Barber, i rischi per il ritorno sicuro degli astronauti e qualsiasi piano di emergenza saranno incompleti.

Come ultima risorsa, la NASA e la Boeing potrebbero rimandare i loro astronauti nella capsula SpaceX Dragon, il che sarebbe molto imbarazzante per Boeing. Ma non siamo ancora in quel territorio, secondo il dottor Baker.

“Con una nuova navicella spaziale bisogna aspettarsi l’inaspettato”, afferma. “È un ostacolo assolutamente prevedibile e non penso che sarà una grande preoccupazione, deve solo essere analizzato e risolto prima del prossimo volo della squadra.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *